Egli è altresì scritto…

Blog di Nicola Iannazzo

● L’antitrinitariano Pietro Zanca

Confutazione dell’eresia dei ‘Gesù solo’

(104 minuti – mp3)

Solo Gesù?

(86 minuti – mp3)

_________________________________

Pietro Zanca insegna che la “trinità” non esiste…

Il pastore della Chiesa Cristiana Evangelica Internazionale (C.C.E.I.P.) di Palermo, Pietro Zanca, insegna che la trinità non esiste, e che il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo sono la MANIFESTAZIONE della stessa persona.

Ascoltatelo voi stessi:

Alla confutazione che seguirà desidero solo aggiungere alcuni passi dalla Scrittura che mostrano chiaramente come la Divinità sia un Unità composta da Più Persone:

Nel libro della Genesi al capitolo 1 versi 26 e 27 leggiamo:

“Poi Dio disse: “FACCIAMO l’uomo a NOSTRA immagine e a NOSTRA somiglianza… E Dio creò l’uomo a Sua immagine; lo creò a immagine di Dio…” (Genesi 1:26,27).

Notato il plurale “Facciamo…” e “nostra…” immagine? Se Dio fosse una sola persona avremmo dovuto leggere “Farò” l’uomo a “Mia” immagine”, anziché “Facciamo”… a “nostra” immagine!

Sempre in Genesi, dopo la caduta dell’uomo, inoltre leggiamo:

“Poi l’Eterno Iddio disse: “Ecco, l’uomo è diventato come UNO DI NOI quanto a conoscenza del bene e del male. GUARDIAMO ch’egli non stenda la mano e prenda anche del frutto dell’albero della vita, e ne mangi, e viva in perpetuo”. (Genesi 3:22).

Anche qui Dio parla al plurale e non al singolare…

Se dunque Dio è una singola persona come dicono gli “unitariani”, come mai in questo passo Dio non parla al singolare? Avremmo quindi dovuto leggere: “…Ecco, l’uomo è diventato come Me…”; oppure: “…Guardo ch’egli non stenda la mano…” Dio invece dice: …l’uomo è diventato come …UNO DI NOI”!

Tutto questo si spiega così; nello stesso modo che possiamo dire UNA famiglia, anche se composta da più persone, così Iddio è UNO, anche se composto da Tre Persone.

C’è tuttavia chi afferma che quando Dio disse: “FACCIAMO l’uomo a NOSTRA immagine e a NOSTRA somiglianza…” (Genesi 1:26) Lui stesse parlando a degli angeli

Ma al momento della creazione, non v’era alcun angelo al Suo fianco, poichè è Dio stesso a rivelarcelo in Isaia 44:24 quando ci dice :

“Io sono l’Eterno, che ha fatto tutte le cose; Io solo ho spiegato i cieli, ho distesa la terra, SENZA CHE VI FOSSE ALCUNO CON ME (Isaia 44:24).

Isaia 44:24 perciò, è la risposta di Dio che AZZITTISCE tutti coloro (a questo link per esempio) che dicono che Dio, al momento della creazione, stesse parlando con degli angeli.

Anch’essi errano dunque, poichè non conoscono le Scritture…

Nicola Iannazzo

_____________________________________________________________________

Il concetto della Trinità nel Nuovo Testamento.

La Scrittura attesta chiaramente che la Divinità è composta da tre Persone, ossia il Padre, il Figliuolo e lo Spirito Santo, cioè essa attesta la Trinità.

Nella Scrittura non è menzionato il termine Trinità [Il termine Trinità deriva dal latino Trinitas che significa ‘la riunione di tre’, ed è una parola coniata da Tertulliano di Cartagine alla fine del secondo secolo]; ma non si può dire che in essa non vi sia menzionato il concetto della Trinità perché le seguenti Scritture attestano che il Padre, il Figliuolo e lo Spirito Santo sono tre persone [a riguardo del termine persona che usiamo sia per Dio Padre, che per il Figliuolo che per lo Spirito Santo è necessario che si sappia che la parola latina persona significa ‘maschera’ o ‘personaggio di rappresentazione’. Ma evidentemente noi quando la usiamo in relazione al Padre, al Figliuolo e allo Spirito Santo non la usiamo con quel senso originale, perché in questo caso definiremmo le tre Persone della Divinità delle maschere di un personaggio teatrale, in altre parole è come se dicessimo che Dio è come un attore di uno spettacolo che è apparso sulla scena del mondo in tre differenti costumi o ruoli, il che noi sappiamo non è affatto vero. L’uso della parola persona ha il solo scopo di spiegare che sia il Padre che il Figliuolo che lo Spirito Santo sono tre Esseri distinti con una personalità propria] divine distinte (che esistono da sempre ed esisteranno per sempre), e che nello stesso tempo sono un solo Dio.

  • “Allora Gesù dalla Galilea si recò al Giordano da Giovanni per esser da lui battezzato. Ma questi vi si opponeva dicendo: Son io che ho bisogno d’esser battezzato da te, e tu vieni a me? Ma Gesù gli rispose: Lascia fare per ora; poiché conviene che noi adempiamo così ogni giustizia. Allora Giovanni lo lasciò fare. E Gesù, tosto che fu battezzato, salì fuor dell’acqua; ed ecco i cieli s’apersero, ed egli vide lo Spirito di Dio scendere come una colomba e venir sopra lui. Ed ecco una voce dai cieli che disse: Questo é il mio diletto Figliuolo nel quale mi son compiaciuto” (Matt. 3:13-17). In questo evento che si verificò al Giordano vediamo il Padre che parlò dal cielo, il Figliuolo che era sulla terra che fu battezzato da Giovanni, e lo Spirito Santo che discese su lui in forma corporea a guisa di colomba.
  • Gesù disse ai suoi discepoli: “Se voi mi amate, osserverete i miei comandamenti. E io pregherò il Padre, ed Egli vi darà un altro Consolatore, perché stia con voi in perpetuo, lo Spirito della verità…” (Giov. 14:16-17). Gesù, mentre era ancora sulla terra con i suoi discepoli, era il Consolatore che Dio aveva mandato per consolare quelli che facevano cordoglio, ma siccome Egli doveva tornare al Padre che lo aveva mandato, pregò il Padre di dare ai suoi discepoli un altro Consolatore, appunto lo Spirito Santo il quale sarebbe rimasto con loro per sempre. Il Padre quindi, supplicato dal suo Figliuolo, ha mandato lo Spirito della verità per supplire alle necessità che si vennero a creare con la dipartenza del suo Figliuolo. Il concetto della trinità è evidente nelle parole di Gesù.
  • Gesù, prima di essere assunto in cielo, disse ai suoi discepoli: “Andate dunque, ammaestrate tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figliuolo e dello Spirito Santo… (Matt. 28:19). Il battesimo in acqua, che ricordiamo non purifica dai peccati perché è la richiesta di una buona coscienza fatta a Dio, deve essere ministrato nel nome del Padre e del Figliuolo e dello Spirito Santo. Il Signore non avrebbe mai comandato una simile cosa se Lui, il Padre e lo Spirito Santo non fossero stati uno.
  • Paolo dice ai Romani: “E se lo Spirito di colui che ha risuscitato Gesù dai morti abita in voi, Colui che ha risuscitato Cristo Gesù dai morti vivificherà anche i vostri corpi mortali per mezzo del suo Spirito che abita in voi” (Rom. 8:11). In queste parole troviamo Dio Padre che ha risuscitato Gesù; il Figliuolo che é stato da lui risuscitato; e lo Spirito Santo che Egli ha mandato nei nostri cuori. Anche qui il concetto della trinità é espresso in maniera chiara.
  • Paolo, al termine di una delle sue epistole ai Corinzi, scrisse: “La grazia del Signor Gesù Cristo e l’amore di Dio e la comunione dello Spirito Santo siano con tutti voi” (2 Cor. 13:13). Anche qui le tre persone sono nominate distintamente, ma benché ciò sono una stessa cosa.
  • Paolo agli Efesini dice: “V’è… un unico Spirito…V’è un solo Signore… un Dio unico e Padre di tutti, che é sopra tutti, fra tutti ed in tutti” (Ef. 4:4,5,6). Anche da queste parole comprendiamo come le tre persone divine di cui é composta la Divinità, sono distinte tra loro ma unite tra loro in perfetta unità.
  • Paolo disse ai Corinzi: “Or vi é diversità di doni, ma v’è un medesimo Spirito. E vi é diversità di ministerî, ma non v’è che un medesimo Signore. E vi é varietà di operazioni, ma non v’è che un medesimo Iddio, il quale opera tutte le cose in tutti” (1 Cor. 12:4-6). Notate come Paolo menziona prima lo Spirito, poi il Signore Gesù Cristo e poi Dio. Anche queste sue parole fanno capire come queste tre persone divine, benché distinte l’una dall’altra, sono uno stesso Dio.
  • La Scrittura condanna le tre bestemmie indirizzate a tutte e tre le persone della Divinità. Chi bestemmia il nome di Dio si rende colpevole di un peccato perché é scritto: “Non bestemmierai contro Dio” (Es. 22:28); anche chi bestemmia contro il Figliuol dell’uomo e contro lo Spirito Santo si rende colpevole di un peccato. Ma il fatto é che mentre coloro che bestemmiano contro Dio e contro il Figliuol dell’uomo possono essere perdonati, chi bestemmia contro lo Spirito Santo non può ottenere la remissione del suo peccato, perché Gesù disse: “Ai figliuoli degli uomini saranno rimessi tutti i peccati e qualunque bestemmia avranno proferita; ma chiunque avrà bestemmiato contro lo Spirito Santo, non ha remissione in eterno, ma é reo d’un peccato eterno” (Mar. 3:28-29). Queste parole del Signore ci fanno capire come lo Spirito Santo sia una persona divina distinta dal Figliuolo di Dio e dal Padre; per questo noi quando parliamo del Figliuolo non parliamo dello Spirito Santo e viceversa; e perché quando parliamo del Padre non parliamo né del Figliuolo e né dello Spirito Santo, appunto perché i tre sono differenti. Per farvi capire questo concetto vi parlo in questa maniera: noi non possiamo dire che il Padre del nostro Signore Gesù Cristo é morto sulla croce per i nostri peccati, perché questo non corrisponde al vero, infatti la Scrittura dice che Cristo, il Figlio di Dio, morì sulla croce, e non il Padre. Noi non possiamo dire neppure che lo Spirito Santo sia morto per i nostri peccati perché anche questo non é vero. Noi non possiamo dire neppure che lo Spirito Santo battezza con lo Spirito Santo perché la Scrittura attesta che é Cristo che battezza con lo Spirito Santo e con il fuoco. Però, benché dobbiamo nominare separatamente il Padre, il Figliuolo e lo Spirito Santo, e le loro caratteristiche, pure sappiamo che i tre sono una stessa cosa.

Fratelli, ritenete fermamente la dottrina della Trinità, e difendetela strenuamente.

A Dio sia la gloria in eterno. Amen.

Giacinto Butindaro

Tratto dal sito: http://lanuovavia.org/giacintobutindaro/2010/05/12/il-concetto-della-trinita-nel-nuovo-testamento/

_______________________________________________________________________________

Per approfondire le false dottrine degli Antitrinitariani puoi leggere il libro gratuito in PDF:

Le Chiese Antitrinitarie (I ‘Gesù solo’) e i Branhamiti

Oppure andare al Link:

http://www.sentieriantichi.org/temi caldi/trinita.html

_______________________________________________________________________________

Articoli correlati:

● La tenda ‘Cristo è la Risposta’ e la sua collaborazione con gli antitrinitariani

● La Trinità non è più tra le dottrine fondamentali per la Tenda ‘Cristo è la risposta’

● Dialogo con un antitrinitariano che afferma che Dio al momento della creazione parlava con gli angeli…

● Pentecostali Trinitariani e Antitrinitariani assieme a Palermo


Articoli correlati da Link esterni:

Lettera di Daniele Guadagnino

Pastore antitrinitariano sulla TBNE!

Attenzione a sito antitrinitariano

Le Chiese Pentecostali Antitrinitarie (I ‘Gesù solo’) e i Branhamiti



Share

8 agosto 2010 - Posted by | "Gesù solo", "Unitariani" o "Antitrinitariani", Antitrinitariani, C.C.E.I.P. Palermo, Piero Zanca, Trinità

Al momento, non c'è nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: