Egli è altresì scritto…

Blog di Nicola Iannazzo

● Perchè è sbagliato chiamare “Chiesa” o “Casa di Dio” il locale di culto

Perchè è sbagliato chiamare “Chiesa” o “Casa di Dio” il locale di culto

(67 minuti – mp3)


“Accostandovi a lui, pietra vivente, riprovata bensì dagli uomini ma innanzi a Dio eletta e preziosa, anche voi, come pietre viventi, siete edificati qual casa spirituale, per essere un sacerdozio santo per offrire sacrificî spirituali, accettevoli a Dio per mezzo di Gesù Cristo” (1 Piet. 2:4-5).

Il locale di culto non è la ‘casa di Dio’ perché la casa di Dio non è un edificio fatto di mattoni o di pietre o di legno (come è un locale di culto) ma un edificio spirituale fatto da persone nate di nuovo il quale serve da dimora a Dio per lo Spirito Santo.

Lo scrittore agli Ebrei infatti dice: “La sua casa siamo noi” (Ebr. 3:6), Paolo dice agli Efesini: “Ed in lui voi pure entrate a far parte dell’edificio, che ha da servire di dimora a Dio per lo Spirito” (Ef. 2:22), e Pietro dice nella sua prima epistola: “Accostandovi a lui, pietra vivente, riprovata bensì dagli uomini ma innanzi a Dio eletta e preziosa, anche voi, come pietre viventi, siete edificati qual casa spirituale, per essere un sacerdozio santo per offrire sacrificî spirituali, accettevoli a Dio per mezzo di Gesù Cristo” (1 Piet. 2:4-5).
Non è neppure la ‘chiesa’ perché la parola greca ekklesia significa ‘assemblea’ [dei tirati fuori]; per cui questa parola va usata solo in riferimento all’assemblea dei fratelli in Cristo a prescindere dove si riuniscono per rendere il loro culto a Dio. E che sia così è attestato dalle seguenti Scritture. Paolo scrivendo ai santi di Colosse dice: “Salutate i fratelli che sono in Laodicea, e Ninfa e la chiesa che è in casa sua” (Col. 4:15), e a quelli di Roma dice di salutare la chiesa che era in casa di Aquila e Priscilla (cfr. Rom. 16:5).
Quando Pietro fu messo in prigione la Scrittura dice che “fervide preghiere erano fatte dalla chiesa a Dio per lui” (Atti 12:5). Dopo che Saulo si convertì al Signore la Scrittura dice: “Così la Chiesa, per tutta la Giudea, la Galilea e la Samaria avea pace, essendo edificata; e camminando nel timor del Signore e nella consolazione dello Spirito Santo, moltiplicava” (Atti 9:31).
Per citare solo alcuni dei tanti versetti dove in una maniera o nell’altra la chiesa si riferisce all’assemblea dei riscattati.
E’ bene dunque che coloro che hanno l’abitudine di chiamare il locale di culto ‘Casa di Dio’ o ‘Chiesa’ smettano di farlo.

Tratto da: http://lanuovavia.org/giacintobutindaro/2010/11/01/che-fai-sabato-sera/
______________________________________________________________________________________

Il locale di culto non è la Casa del Signore

In questo video sentirete Tommaso Grazioso, che è pastore negli Stati Uniti e viene chiamato da tante chiese ADI in Italia a predicare, chiamare il locale di culto ‘casa del Signore’ (cosa questa che fanno tanti credenti in ogni denominazione evangelica).

Ma, secondo la Sacra Scrittura, il locale di culto, dove si radunano i santi, non è la ‘casa di Dio’ perché la casa di Dio non è un edificio fatto di mattoni o di pietre o di legno ma un edificio fatto da tutti coloro che sono nati di nuovo il quale serve da dimora a Dio per lo Spirito Santo.
Lo scrittore agli Ebrei infatti dice: “La sua casa siamo noi” (Ebrei 3:6), Paolo dice agli Efesini: “Ed in lui voi pure entrate a far parte dell’edificio, che ha da servire di dimora a Dio per lo Spirito” (Efesini 2:22), e Pietro dice nella sua prima epistola: “Accostandovi a lui, pietra vivente, riprovata bensì dagli uomini ma innanzi a Dio eletta e preziosa, anche voi, come pietre viventi, siete edificati qual casa spirituale, per essere un sacerdozio santo per offrire sacrificî spirituali, accettevoli a Dio per mezzo di Gesù Cristo” (1 Pietro 2:4-5).
E tutto questo perchè Dio “non abita in templi fatti da man d’uomo” (Atti 7:48).

E’ bene dunque che tutti coloro che hanno l’abitudine di chiamare il locale di culto ‘Casa di Dio’ smettano di farlo, per non andare al di là di ciò che è scritto, o meglio per non andare contro ciò che è scritto.

Chi ha orecchi da udire, oda.

Giacinto Butindaro

Tratto da: http://lanuovavia.org/giacintobutindaro/2011/02/02/il-locale-di-culto-non-e-la-casa-del-signore/

“La sua casa siamo noi (Ebr. 3:6)

 

Articoli correlati:

● La chiesa si può riunire nelle case

● Padri, fate il culto familiare

● Contro lo Statuto e il Regolamento delle ADI

● L’Intesa con lo Stato e l’8 per mille, ovvero quando la Chiesa fa il male per ricavarne del bene



Share

Annunci

1 novembre 2010 - Posted by | ADI, ADI (Assemblee di Dio in Italia), Assemblee di Dio, Casa di Dio, Chiesa, Culto, Errori dottrinali, Insegnamenti errati

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: