Egli è altresì scritto…

Blog di Nicola Iannazzo

● Cos’è la “confutazione”, quale è la sua utilità, quali le ragioni e la franchezza dell’esposizione

[*] Contro l’accusa d’esser dei “diffamatori”…

(25 minuti – mp3)

[soundcloud  params=”true&show_comments=false” height=”90″ width=”200″ url=”http://soundcloud.com/user9175741/contro-laccusa-desser”%5D

_____________

“Perché sebbene camminiamo nella carne, non combattiamo secondo la carne; infatti le armi della nostra guerra non sono carnali, ma potenti nel cospetto di Dio a distruggere le fortezze; poiché distruggiamo i ragionamenti ed ogni altezza che si eleva contro alla conoscenza di Dio, e facciam prigione ogni pensiero traendolo all’ubbidienza di Cristo;” (2° Corinzi 10:3-5)

__________________

Dal dizionario della lingua italiana Devoto-Oli, diciottesima ristampa, ottobre 1985; per la voce confutazione si legge:

“Critica diretta, mediante prove o argomenti circostanziati e puntuali, a dimostrare l’infondatezza o l’inconsistenza totale o parziale di qualcosa, convincendo del contrario.”

La confutazione delle false dottrine è una parte della sana dottrina di cui oggi i servitori di Dio fanno poco ricorso, forse perché vige “il reciproco rispetto”, come è stato scritto in diversi statuti delle organizzazioni cristiane evangeliche. Ciò vuol dire che i ministri evangelici hanno il bavaglio alla bocca e non sono liberi di parlare come dovrebbero, non sono liberi di distruggere le false dottrine e tutte quelle menzogne che si elevano contro la conoscenza della verità.

Ma ringraziato sia Iddio che sempre si preserva un numero di servitori che non si fanno “imbavagliare la bocca” per un vile guadagno o qualsiasi altro interesse impuro.

La confutazione, per forza di cose, avendo lo scopo di distruggere dei falsi ragionamenti e delle false dottrine non può fare uso di parole melate e lusinghiere, anzi, le parole devono essere come un martello che batte sulle fortezze per abbatterle, devono, quindi, avere la forza distruttiva di cui necessitano per annientare le falsità.

Purtroppo, i credenti di oggi non sono abituati a questo tipo di linguaggio forte, non offensivo ma pungente, chiaro, senza eufemismi, senza addolcire i concetti che hanno lo scopo di toccare le coscienze di coloro che errano nella dottrina e di farli vergognare affinché tornino in loro stessi e abbandonino l’errore in cui sono caduti.

A cadere nell’errore sono solitamente dei ministri, dei conduttori di comunità; quindi, li si deve scuotere forte e costringerli a studiare e a rivedere le loro false dottrine, abbracciate talvolta troppo frettolosamente o per motivi interessati. Se si riesce a conquistare i pastori alla verità della Parola di Dio, si avrà il grande beneficio di portare la verità biblica a tutti i fratelli delle chiese da loro guidati.

Come potete comprendere, dunque, la posta in gioco non è di poco conto, anzi è notevole; ci sono in gioco molte anime, scuotendo i pastori che errano, si preservano molti fratelli dalle false dottrine e talvolta da eresie di perdizione.

Taluni possono pure fare delle critiche al modo diretto e pungente rivolto contro i peccati dei pastori, contro l’esposizione di tali peccati a tutta l’opinione pubblica che utilizza internet; ma ciò è necessario per ottenere una solenne umiliazione con un’aperta confessione dei peccati di costoro. Se i peccati di costoro sono già manifesti al mondo, è inutile nasconderli; tutti i tentativi di nasconderli non fanno altro che aggravare ed aumentare la vergogna del peccatore e lo scandalizzarsi di tanti fedeli.

Quando i peccati sono pubblici anche la riprensione e la relativa confessione dovrebbero essere pubbliche.

Se gli errori dottrinali ed il peccato fossero fini a sé stessi non ci sarebbe bisogno di confutarli e condannarli pubblicamente, ma siccome sono errori dottrinali e peccati pubblici allora anche la riprensione è necessario che sia pubblica.

La confutazione ha lo scopo di manifestare gli errori dottrinali ed il peccato dei ministri dell’Evangelo e di attribuire loro piena vergogna. Ma chi confessa tali peccati e tali errori e li abbandona otterrà misericordia da Dio; lui e di conseguenza ne avranno benedizione anche i fratelli della chiesa ministrata.

Se i ministri di Dio si mostreranno indulgenti con sé stessi e riluttanti alla confessione e all’abbandono del peccato non prospereranno. Sarà Iddio con i suoi giudizi a proclamare al mondo le iniquità di tali ministri; a tal riguardo si veda ciò che è accaduto al popolo d’Israele e al Tempio di Gerusalemme.

Taluni che hanno intrapreso l’opera del ministero si comportano così ostinatamente in modo egoistico, negligente (nel comportamento, nell’esempio, nello studio e nella conoscenza della Parola di Dio), orgoglioso e in modo riprovevole, a tal punto che è diventato un dovere per i ministri che si conducono in modo degno di Cristo di ammonirli, manifestando le loro colpe.

A molti accade, purtroppo, che si sentono maggiormente offesi dalla riprensione piuttosto che dal loro peccato e preferirebbero che si smettesse di rimproverarli piuttosto che porre fine ai propri peccati e alle proprie eresie perniciose per la chiesa dell’Iddio vivente.

Chi conosce la verità della Parola di Dio, si comporterebbe crudelmente abbandonando i fratelli totalmente nelle mani di questi sedicenti ministri; fratelli per il quale il nostro Signore Gesù Cristo è morto.

Tollerare e coprire i peccati e le false dottrine dei ministri significa partecipare alla rovina della chiesa, al decesso della morale e dell’etica cristiana, alla cessazione del buon profumo della Parola di Dio emanato dai credenti ogni qualvolta compiono opere buone.

Se le guide sono depravate come pensate che saranno ridotti i fratelli della comunità?

Con la pubblica manifestazione dei peccati e delle false dottrine dei conduttori si tenta di riformarli, ed è il modo più efficace di promuovere una riforma della chiesa tutta, stimolando i fratelli a chiedere conto ai loro conduttori di ciò che essi dicono e fanno.

È per il bene della chiesa e per far cessare le argomentazioni ai nemici della chiesa e di Cristo Gesù che bisogna riprendere i pastori che si conducono malamente, dimostrando nel contempo la falsità di certe dottrine.

Riflettete su questa figura: se in una città ci fosse un grande incendio e i vigili del fuoco non intervenissero perché siano impegnati tutti in affari loro personali e fossero occupati in cose da impedirgli un intervento pronto ed efficace; che fareste voi? Non cerchereste in modo vigoroso di richiamarli ai loro doveri affinché intervengano nell’arginare la propagazione del fuoco? E se questi vigili del fuoco negligenti si sentissero infastiditi e vi accusassero di presunzione, di arroganza e di essere dei maleducati che parlano in modo impertinente, si sentissero offesi avendo infangato la loro reputazione; non dovreste pensare, giustamente, che non siano proprio sani di mente nella considerazione di quanto accaduto?

Per quale motivo dovremmo, alla pari di quei vigili, preferire di lasciare che le anime si perdano, piuttosto che rimproverare i cattivi operai della poca conoscenza della Parola di Dio e della loro cattiva condotta?

Perché questa è la situazione in cui ci si trova in questo tempo. Le anime periscono, i fratelli sono ammaestrati poco e male, mentre i cosiddetti pastori si preoccupano soprattutto dei loro affari, dei piaceri mondani, se la prendono comoda; però dimostrano notevole impegno nel frenare tutti quei fratelli che vogliono che l’opera di Dio sia compiuta e portata a compimento!

Ma gli uomini di buona volontà non tacciono a riguardo del peccato dei ministri della chiesa e, di conseguenza, della chiesa da loro servita; neppure Dio lascerà tranquille tali persone.

La gravità del peccato e dell’ignoranza nella Parola di Dio stà nel fatto che a commetterli sono dei ministri del Vangelo e non solo dei semplici fratelli; ad ignorare le sacre Scritture sono proprio i ministri di Cristo! Ecco dove stà la gravità! Se tali persone avessero intrapreso un’altra attività e non quella di condurre le chiese, non ci sarebbe motivo di importunarli con le riprensioni sulla loro condotta e le confutazioni contro i loro insegnamenti palesemente errati; poiché, invece, hanno deciso di diventare ministri di culto, preposti a vigilare sulle pecore, ad ammaestrarle e preservarle dai lupi rapaci, non possono essere lasciati nei loro errori e nel loro peccato, devono essere svegliati con forti scossoni; sì, forti scossoni, perché quando il sonno è pesante gli scossoni devono essere forti, devono essere franchi e diretti, senza lasciare adito al dubbio che non si stia parlando di loro ma bensì di altri. Quando si fanno nomi e si precisano circostanze è affinché costoro si destino dal sonno una volta per tutte e ritornino in loro stessi per servire la chiesa che Dio ha dato loro da ministrare.

In conclusione, voi, ministri di Cristo, prendetela come volete, ma è venuto il momento di parlarvi chiaramente, e se ciò non servisse a nulla, allora bisogna rivolgersi a voi ancora più duramente, e se neppure questo servisse, allora non rimarrebbe che il diretto intervento di Dio.

Tutte queste cose, naturalmente, sono rivolte soltanto a coloro che non si applicano nello studio della Parola di Dio e si rendono colpevoli di condursi carnalmente.

Ecco, dunque, esposte le ragioni che hanno indotto i veri ministri di Cristo, che hanno in cuore la sorte di tutti i santi, a scrivere, predicare e pubblicare le confutazioni, cioè le iniquità e l’ignoranza nella Parola di Dio dei ministri di Cristo.

La chiesa attuale, purtroppo, ha bisogno di essere riformata. Penso che solo la chiesa di Cristo perseguitata ama il Signore con tutta la sua mente, con tutto il suo cuore e con tutte le sue forze.

Ma già un cambiamento è in atto, i fratelli hanno cominciato a capire che devono domandarsi se ciò che viene insegnato loro è biblico oppure no. Infatti, Gesù ammonisce ancora oggi coloro che ascoltano, lo fa con le parole: “badate come ascoltate”. I fratelli cominciano a sentire e a leggere anche altre dottrine e le confrontano con quelle che sentono dal pulpito, considerando che pure loro hanno l’intendimento che lo Spirito gli concede, notano che ciò che viene detto dal pulpito, ad un esame attento, non corrisponde sempre a verità. A dire il vero molte volte ciò che viene detto dal pulpito è così palesemente errato che persino un incredulo se ne accorge.

Avuto riguardo a quanto detto sopra, molti rimangono impenitenti e imprecano contro coloro che denunziano il peccato e l’errore nella chiesa di Dio, cercando di turargli la bocca; gridando, contro chi chiede penitenza e confessione dei peccati, calunnie, offese e non mi stupirebbe il fatto che citino davanti ai tribunali degli infedeli coloro che denunziano il peccato in mezzo alla chiesa. Non potendo far ricorso alla persecuzione fisica, e neppure a quella psicologica a cui ricorrono all’interno della loro comunità, allora faranno ricorso alla persecuzione davanti ai tribunali. Questo perché sono forti dei soldi che molti fratelli donano allegramente nella cassetta delle offerte e costoro si sono inorgogliti da tanta abbondanza e si sentono di poter affrontare qualsiasi causa a colpi di avvocati e di giustizia mondana.

Non è imbavagliando chi parla che si dimostra di avere ragione nella Parola di Dio. Piuttosto, è dimostrando ai fratelli passo per passo, parola per parola che si ha ragione, e lo Spirito della verità attesta sempre alle coscienze quando viene detta la verità. Ma Iddio è con coloro che annunciano la verità, perché chi annuncia la verità è gradito a Dio e non è certamente nemico dei fedeli. Piuttosto, chi mente loro gli è nemico.

Molti cosiddetti pastori non sono né capaci né hanno voglia di dimostrare biblicamente quello che insegnano, di ribattere a coloro che confutano le loro predicazioni, non sono neppure in grado di controbattere ad un testimone di Geova su molti argomenti, non sono capaci di controbattere contro i cattolici romani riguardo a molte loro dottrine.

All’inizio della mia conversione mi sono trovato a dover domandare spiegazioni ad un pastore pentecostale, che conduceva la comunità di Lido di Ostia, riguardo il battesimo con lo Spirito santo per poter rispondere ad alcuni anziani della chiesa dei fratelli di Fondi, e non mi ha saputo rispondere neppure in quella dottrina di cui vanno tanto fieri. Che vergogna, grazie a Dio che il Signore poi mi ha fatto conoscere i suoi veri ministri che mi hanno ammaestrato a tal proposito.

Ma mi chiedo che cosa ne è stato o ne sarà di tutti coloro che sono nella situazione in cui mi sono trovato io. Se una pecora non si rivolge al pastore per avere delucidazioni sulla Bibbia a chi si deve rivolgere? Mi piange il cuore se penso che nella mia situazione si possano trovare molti altri discepoli.

Amati fratelli, cominciate ora a capire perché bisogna parlare così? Cioè chiaramente ed anche duramente in taluni casi? Perché la situazione spirituale della chiesa è gravemente malata, non è morta ma se a breve non si porrà rimedio lo diventerà certamente.

Fratelli, ora vorrei porvi io delle domande.

I vostri ministri di Cristo hanno adempiuto al loro dovere di insegnare i principi della fede e i temi essenziali alla salvezza a ciascuno dei membri della chiesa a loro affidata?

Si sono curati di verificare con le visite e i colloqui personali se i membri della chiesa sono cresciuti sia spiritualmente che in conoscenza della Parola di Dio?

Il comportamento tenuto da questi ministri può essere considerato da imitare similmente a quello dell’apostolo Paolo e di Gesù Cristo?

I fratelli della vostra comunità sono in grado di affrontare una impegnativa discussione biblica con i cattolici romani? Con particolare riferimento a coloro che sono convertiti da diversi anni.

Conoscete personalmente tutti i fratelli che frequentano la vostra comunità? Conoscete tutti i loro bisogni, le loro debolezze, la loro situazione di salute e spirituale?

Pregate continuamente per ognuno dei fratelli che frequenta la vostra comunità chiedendo a Dio per ciascuno cose specifiche di cui ha bisogno?

Nel nome di Gesù Cristo, per amore della chiesa e delle anime immortali degli uomini che vanno in perdizione, io vi protesto oggi, a voi tutti ministri di Dio, adempite ai vostri doveri pienamente, senza più indugiare, dando tutto voi stessi per la causa dell’Evangelo! Adoperatevi nel fare il bene, nell’ammaestrare i fratelli, nell’annunziare l’Evangelo alle anime perdute schiave del peccato. Combattete contro l’ignoranza della Parola di Dio che pervade le chiese. Combattete strenuamente per piegare i cuori ribelli dei peccatori. Combattete strenuamente affinché il timore di Dio abbondi nei cuori dei fedeli e si santifichino. Riprendete, esortate, edificate, fate ogni cosa di cui ci sia bisogno nella chiesa. Smettetela di mostrare voi stessi dal pulpito e di riprendere solo coloro che vi chiamano “fratello”, pretendendo da loro che vi chiamino: “pastore”. Dimostratelo di essere pastore, non solo a parole ma con i fatti, con le lacrime, pregando del continuo per ogni pecora; allora i fratelli vi chiameranno “pastore”, perché lo sarete realmente.

Smettetela di pensare che siete soli e che le pecore non vi ascoltano, voi siete i ministri di Cristo! Abbiate coraggio e impegnatevi nell’opera del Signore, Egli vi sosterrà e vi porrà a fianco degli aiuti per portare a termine ogni vostro disegno per l’edificazione e la crescita dei santi. Se voi volete operare ma pensate che vi siano molte difficoltà, io vi dico che rimarrete meravigliati di come il Signore opererà e spazzerà via ogni difficoltà, perché molte delle difficoltà sono solo dentro la vostra mente, penetrate a causa della vostra poca fede.

Ricordatevi che raggiungerete più risultati con una famiglia andandola a trovare che con cento predicazioni dal pulpito.

Date l’esempio in ogni cosa, andate sempre a trovare i fratelli o qualsiasi altra persona che è all’ospedale, che è inferma a casa; loro se lo aspettano che voi lo facciate, voi fatelo.

Quando i santi vogliono parlare con voi non rispondete: appena ho tempo, decidete subito il momento e basta con il prendere tempo, il quale porta al castello del mai. Ditegli chiaramente ai fratelli quando potete ed essi saranno soddisfatti per quel momento ed attenderanno con pazienza il momento da voi stabilito.

Se vi domandano che vogliono parlarvi significa che hanno bisogno di parlarvi, anche se voi vi siete creati un sacco di impegni, in quel momento quella è l’opera che Dio vi pone innanzi e voi siete tenuti a praticarla. Voi avete messo mano all’aratro, quindi dovete arare il campo di Dio, con tutte le vostre forze e con tutto il vostro cuore. Comprendete che la salute spirituale di una chiesa dipende notevolmente dal suo pastore? Iddio vi chiederà conto dei vostri peccati e di quelli che non avete voluto reprimere nella chiesa che conducete, non vi ricordate cosa dice il Signore alle sette chiese in Apocalisse? Considerate tali passi, studiate la Parola di Dio doviziosamente, pregate e digiunate, ed allora si avrà un risveglio della chiesa, e Dio opererà i suoi segni ed i suoi prodigi per confermarvi.

Questo è il nostro scopo, risvegliare la chiesa e fare in modo di presentare tutti i santi perfetti in Cristo. So bene che siamo stati salvati per fede, ma se non ci sono le opere la fede è morta, noi non ignoriamo ciò che dicono le sacre Scritture, in questo caso nella epistola di Giacomo.

A Dio che può mandare un grande risveglio nella sua chiesa, che può preservarla dal maligno e vuole riempirla della sua pace e della sua misericordia, siano l’onore, la gloria e la lode nei secoli dei secoli. Amen!

Salvato per grazia mediante la fede in Cristo Gesù: Giuseppe Piredda

Ancora sulla confutazione

“Perché sebbene camminiamo nella carne, non combattiamo secondo la carne; infatti le armi della nostra guerra non sono carnali, ma potenti nel cospetto di Dio a distruggere le fortezze; poiché distruggiamo i ragionamenti ed ogni altezza che si eleva contro alla conoscenza di Dio, e facciam prigione ogni pensiero traendolo all’ubbidienza di Cristo;” ( II Corinzi 10:3-5)

Fratelli nel Signore, continuano a pervenire commenti che esprimono contrarietà verso coloro che hanno il coraggio e la sapienza di confutare false dottrine da chiunque esse siano insegnate.

Ho già parlato sulla confutazione ed ora ho voluto portare alla vostra attenzione alcuni passi della Parola di Dio che ci fanno capire che prendere una posizione non va fatto per “partito” ma tenendo conto della verità che Dio ci manda.

Sta scritto:

“”Non profetate!” Vanno essi ripetendo. Anche se non si profetizzino cotali cose, non si eviterà l’ignominia.” (Michea 2:6)

Il popolo di Israele viveva nel peccato e non si conduceva secondo la Legge di Mosè, ma seguiva i propri desideri e la carne. Allora Iddio ha suscitato dei profeti per stornarli dalle vie corrotte per riportarli nella retta via. I profeti profetizzavano del peccato d’Israele e della sua punizione, ma c’erano coloro che non volevano che i profeti annunziassero cotali cose, come anche oggi ci sono coloro che non vogliono che il peccato del popolo di Dio sia pubblicato, lo vogliono nascondere. Ma come dice la Parola di Dio in Michea, se anche avvenisse così, non si eviterebbe l’ignominia (sign. di ignominia: disprezzo, vergogna che accompagna comportamenti disonorevoli).

“Ma, quanto a me, io son pieno di forza, dello spirito dell’Eterno, di retto giudizio e di coraggio, per far conoscere a Giacobbe la sua trasgressione, e ad Israele il suo peccato.” (Michea 3:8)

Ora, come i profeti di allora erano mandati da Dio per ricordare ad Israele che sbagliava, così oggi Iddio suscita i suoi servitori per pubblicare gli errori dottrinali e comportamentali della Chiesa, e codesti uomini di Dio lo fanno perché sospinti dallo Spirito santo per amore della verità.

Ma tu che interesse hai nel difendere il peccato e i peccatori?

Che ti giova difendere l’errore dottrinale che danneggia la Chiesa?

Che cos’è che ti fa gemere per portarti a difendere i comportamenti sconvenienti che vengono posti in essere dai credenti?

“Io dicevo: “Se soltanto tu volessi, temermi, accettar la correzione! … Ma essi si sono affrettati a pervertire tutte le loro azioni.” (Sofonia 3:7)

Se la confutazione illumina gli uomini savi ed umili, perché la si deve ritenere dannosa?

Certo, i superbi e gli arroganti non concorderanno con le confutazioni, ma l’umile accresce la sua conoscenza e diventa più accorto.

Vero è che una cosa sta accadendo con lo svilupparsi delle confutazioni, cioè i conduttori arroganti e ignoranti si trovano a dover ammaestrare una assemblea di credenti che sta crescendo sempre più in conoscenza della verità facendosi sempre più prudente nell’accettare in modo subitaneo e senza analisi critica le predicazioni udite dal pulpito.

Finalmente i credenti cominciano a “badare a ciò che ascoltano”, come ha detto di fare Gesù in Luca 8:18: “Badate dunque come ascoltate”, e cominciano ad analizzare ogni cosa e a ritenere solo il bene, come ha scritto Paolo.

Considerato che la prosperità dei tiranni sta nella ignoranza dei popoli; nel nostro caso possiamo dedurre con certezza che il popolo di Dio sta crescendo in conoscenza e, di conseguenza, sta minando la prosperità della tirannia perpetrata dai vari pulpiti.

A me non mi stanno a cuore queste persone arroganti che pretendono di avere ragione solo perché sono dotati di “tesserino di pastore” e non per la validità delle argomentazioni bibliche che propongono; ma mi stanno a cuore tutti quei credenti, di ogni denominazione, semplici di cuore, che hanno creduto in Gesù Cristo, vogliono seguire le orme del Salvatore e si vedono riempire il sentiero di tanti ostacoli, reti e pericoli che gli vengono posti dai sedicenti “pastori”.

Che vi piaccia o no i pastori e gli anziani delle comunità non sono “infallibili”, quindi ogni credente farà bene ad attrezzarsi per studiare se ciò che gli viene insegnato è verità biblica oppure no.

È in questo scenario sopra accennato che si inserisce la confutazione, la quale non è altro che la dimostrazione delle falsità di una dottrina mediante l’esposizione di quella vera.

Io mi sforzo ma non riesco a capire come mai ci sono credenti che si oppongono alla “confutazione”; da una parte a pensar male si arriva al risultato che non c’è in loro la volontà di analizzare biblicamente una dottrina e giungere ad una conclusione; oppure, essendo impegnati nella predicazione non si sentono a loro agio farlo sapendo che l’uditorio ha la Bibbia in mano ed è pronto a far notare ogni incongruenza biblica pronunciata dal pulpito.

Che Dio metta nel cuore di ogni credente lo stesso desiderio di conoscenza dei Bereani, unitamente ad uno spirito critico, chiedendo sempre sapienza ed intelligenza spirituale per non essere sviati dalla verità della Parola di Dio.

Da un’altra parte a pensar bene si giunge alla conclusione che questi che si lamentano delle confutazioni non hanno compreso cosa siano e quale ne sia lo scopo. Ma, in questo caso, perché manifestare contrarietà a qualcosa che non si comprende?

In definitiva, l’unico pensiero plausibile rimane dunque il primo, in quanto presenta più motivazioni per pporsi alle confutazioni.

Ponete mente, nei secoli passati la confutazione è stata usata continuamente ed è solo grazie a fratelli che si sono impegnati nello studio e nella dimostrazione della falsità di talune dottrine e l’esposizione di quella vera che noi oggi possiamo servirci di tali scritti per accrescere la nostra conoscenza o per confermarci che siamo giunti alla medesima conclusione su un passo biblico.

Aggiungo, inoltre, che tutti i credenti usano quasi quotidianamente la confutazione verbale, infatti quando un testimone di Geova ci dice che Gesù non è Dio, molti di voi cominciano a prendere dei passi della Bibbia per dimostrare che ciò non è vero, e fanno bene! La stessa cosa accade se i cattolici romani ci dicono che è necessario pregare Maria e i santi; che dobbiamo battezzare con l’acqua i neonati; siamo pronti a citare che la Bibbia non afferma tali cose in nessun luogo.

Tali dimostrazioni non sono altro che confutazioni di false dottrine con la conseguente esposizione della vera dottrina.

Quindi, come avete potuto leggere, tutti facciamo uso della tanto temuta “tecnica della confutazione”.

Ora, se fossero dei fratelli in fede ad insegnare cose errate, eretiche, perverse e dannose per la chiesa di Cristo, cosa faremmo, li lasceremmo fare perché sono fratelli? No! Così non sia. Chi ne ha la capacità e la possibilità deve mettere in guardia i fratelli dalle dottrine perverse, e ciò può avvenire solo attraverso la “confutazione” delle false dottrine.

Non è assolutamente vero che, chi si dedica alla confutazione di dottrine false professate da alcune denominazioni, siano privi di amore, perché la Scrittura dice che la “carità gioisce con la verità”, quindi carità e verità vanno di pari passo.

Quante volte leggiamo nelle epistole di Paolo che c’erano alcuni che anche allora insegnavano cose false e le ha dovute confutare, come nella epistola ai Colossesi leggiamo che Paolo fu informato di errori dottrinali a colosse ed egli ha proceduto alla confutazione, affermando attraverso l’annuncio della verità che tali cose erano false.

Fratelli siate savi, non importa se siete semplici uditori della Parola di Dio o ministri, siate savi e portatevi da uomini e da credenti maturi.

Come ha detto Gesù: “chi ha orecchie da udire oda.”

Alleluia! Che l’Eterno vi benedica e vi guardi da ogni male!

Salvato per grazia mediante la fede in Cristo Gesù: Giuseppe Piredda

________________________________________________________________________________________

Articoli tratti da: http://www.sentieriantichi.org/varie/confutazione.html

e: http://www.sentieriantichi.org/varie/confutazione2.html

[*] Estratto della predicazione: “Contro il dire menzogne”, ascoltabile integralmente al seguente Link
________________________________________________________________________________________

Articoli correlati:

● Giudicare: quando è vietato e quando è comandato

● Devo riprenderli prima in privato?

● Gaetano Rizzo chiede scusa pubblicamente a Giacinto Butindaro dicendo: “Il suo comportamento nel riprendere è più corretto di quanto pensassi in precedenza…”

● Taluni dicono: “Chi ti ha dato l’autorità d’ insegnare tali cose e di riprendere i fratelli che peccano?”

● Legalismo? (Risposta all’accusa di essere dei legalisti lanciataci da molti)

● Attenzione agli “avvocati del diavolo”

● Il mondo perisce … ma anche parte del popolo di Dio!

● Sarete odiati da tutti a cagion del mio nome…

● Elenco di errori dottrinali o cose da biasimare nelle Assemblee di Dio in italia (ADI)

Share

14 marzo 2011 - Posted by | Confutare, Confutazione, Dottrine False, Errori dottrinali, False dottrine, Falsi Dottori, Falsi insegnamenti, Giudicare, Giudizio, Giuseppe Piredda, Riprensione, Riprensione privata, Riprensione Pubblica

Al momento, non c'è nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: