Egli è altresì scritto…

Blog di Nicola Iannazzo

● Verso una religione unica mondiale?

Questo video documentario in lingua inglese dal titolo ‘The Non Christian Ecumenism of the Vatican’ (‘L’Ecumenismo non Cristiano del Vaticano’) è stato presentato alla Terza Convocazione per la Consapevolezza Ortodossa, organizzato dalla Fratellanza del Santo Monastero dei Santi Cipriano e Justina (Fili, Attica – Grecia), ed è molto interessante perchè documenta in maniera chiara come la Chiesa Cattolica Romana – piena di eresie e di superstizioni – si è messa a fare ecumenismo con le Chiese Ortodosse, le Chiese Protestanti e le altre religioni (Buddismo, Islam, e così via)! Ha questo ecumenismo lo scopo di realizzare in definitiva una religione unica mondiale? Così pare. E come vedrete, Giovanni Paolo II, il precedente capo della Chiesa Cattolica Romana, ha contribuito notevolmente a promuovere la realizzazione di questo progetto. Ed anche l’attuale capo della Chiesa Cattolica Romana segue le orme del suo predecessore, in quanto intende convocare ad Assisi ad ottobre 2011, una ‘Giornata di riflessione, dialogo e preghiera per la pace e la giustizia nel mondo’, invitando nuovamente ad unirsi a questo cammino le Chiese delle diverse confessioni, e gli esponenti delle varie religioni del mondo.

Tutto ciò è una opera infruttuosa delle tenebre a cui quindi i santi, che sono luce nel Signore, non devono partecipare, anzi devono riprovare con forza.

Nessuno vi seduca con vani ragionamenti.

Scarica tutto il file da qua

Tratto da: http://giacintobutindaro.org/2011/04/29/verso-una-religione-unica-mondiale/

__________________________________________________________________________

Per approfondire le false dottrine della Chiesa Cattolica Romana puoi leggere il libro gratuito in PDF:

La Chiesa Cattolica Romana

__________________________________________________________________________

Articoli correlati:

● Contro l’ecumenismo con la Chiesa Cattolica Romana

● Pastori Evangelici Ecumenici… Guardatevi da costoro!

Share

Annunci

30 aprile 2011 Posted by | Cattolicesimo Romano, Chiesa Cattolica Romana, Ecumenismo, Papa Benedetto XVI, Papa Giovanni Paolo II, Papa Ratzinger, Papa Wojtyla, Religioni, Unica Religione Mondiale | Lascia un commento

● Giovanni Paolo II: un altro idolatra che verrà beatificato

Beati coloro che muoiono nel Signore

(82 minuti – mp3)

_______________________

In questi giorni tutti i media parlano della beatificazione di Giovanni Paolo II, prevista dalla Chiesa Cattolica Romana in Vaticano per il prossimo 1 Maggio 2011. Ora, in seguito a questa cerimonia questo uomo sarà dichiarato beato! Ma egli non è e non sarà mai beato, e questo perchè era un idolatra e gli idolatri quando muoiono vanno all’inferno in attesa della condanna definitiva ed eterna che sarà loro data da Dio nel giorno del giudizio. Questa beatificazione quindi è una cerimonia senza alcun valore davanti a Dio.
Che Giovanni Paolo II era un idolatra è manifesto, infatti era un ardente devoto di Maria (cioè un mariano), e non perdeva occasione per renderle il culto. Egli attribuì la sua incolumità in seguito all’attentato subito nel 1981 all’apparizione della ‘Madonna’ di Fatima. Poco dopo l’aggressione alla sua vita, egli consacrò il mondo intero al Cuore Immacolato di Maria. Inoltre, nell’ottobre del 2000, Giovanni Paolo ordinò che la statua ‘miracolosa’ della ‘Madonna’ di Fatima fosse portata in Vaticano in occasione del Gran Giubileo. Domenica 8 ottobre 2000, Giovanni Paolo II assieme a 1.500 vescovi, affidò l’umanità e il terzo millennio alla ‘Madonna’ di Fatima. Oltre a ciò, va detto che la sua forte devozione mariana ha rafforzato la devozione mariana in tutto il mondo. La seguente affermazione, fatta da Giovanni Paolo II nel 2002, ha caratterizzato dal principio alla fine il suo pontificato. Sia lui sia la chiesa cattolica romana, proclamarono che la Regina dei Cieli è fra coloro ai quali essi affidano il proprio futuro.

Rivolgendosi a Maria come alla ‘Madre Santissima’ Giovanni Paolo II pregò:

‘A te [Maria] restituisco tutti i frutti della mia vita e del mio ministero. A te affido il futuro della Chiesa, a te offro la mia nazione, in te confido e dichiaro ancora una volta: Totus Tuus, Maria!’

I Mariani sono degli idolatri perché offrono il culto ad una creatura invece che al Creatore; sono degli idolatri perché la Scrittura dice: “Adora il Signore Iddio tuo, ed a lui solo rendi il culto” (Matt. 4:10), mentre loro adorano Maria da loro considerata la loro Signora.

E’ vero che loro dicono: ‘Ma noi non l’adoriamo ma la veneriamo’, ma ciò non corrisponde assolutamente al vero in quanto i fatti dimostrano il contrario. Come fanno a dire che la loro venerazione non è idolatria quando essi cantano, pregano e invocano Maria quasi che fosse Dio?

C’è un’altra affermazione a cui i Cattolici romani ricorrono allo scopo di fare credere che loro non adorano Maria ma adorano solo Dio, ed è questa: Continua a leggere

27 aprile 2011 Posted by | Beatificazione Giovanni Paolo II, Beatificazione Karol Wojtyla, Beatificazione Wojtyla, Cattolicesimo Romano, Chiesa Cattolica Romana, Eresia, Eresie, Idolatria, Idolatria religiosa, Papa, Papa Giovanni Paolo II, Papa Wojtyla, Papa Wojtyla "santo", Purgatorio | 1 commento

● Quando Cecil M. Robeck Jr., delle Assemblee di Dio USA, partecipò ad Assisi 2002



Cecil M. Robeck, Jr. è un ministro di culto molto famoso appartenente alle Assemblee di Dio USA. E’ professore di storia della Chiesa, ed insegna al famoso Fuller Theological Seminary di Pasadena (California).
Il 24 Gennaio 2002 partecipò ad Assisi, dietro invito di Giovanni Paolo II, come Rappresentante Pentecostale alla ‘Giornata di Preghiera per la Pace fra i Popoli nel mondo’, di cui potete vedere un piccolo riassunto in questo video.


In base a quanto si legge a questa pagina, Cecil Robeck ‘offrì una formale preghiera nella porzione Cristiana di quel raduno’.

L’elenco dei partecipanti (aggiornato al 22.01.2002), così come lo troviamo sul sito dell’Associazione per la salvaguardia della Tradizione latino-gregoriana (http://www.unavox.it/Assisi2002.htm), era questo:

CHIESE ORTODOSSE
Patriarcato Ecumenico
– Sua Santità Bartholomaios I, Patriarca Ecumenico Continua a leggere

25 aprile 2011 Posted by | Assemblee di Dio, Assemblee di Dio USA, Assisi 2002, Cattolicesimo Romano, Cecil M. Robeck, Chiesa Cattolica Romana, Ecumenismo, Giornata di Preghiera per la Pace fra i Popoli nel mondo, Giovanni Paolo II | Lascia un commento

● Lettera aperta a Raniero Cantalamessa predicatore della Casa pontificia

Raniero, ieri 22 Aprile 2011, nel pomeriggio, tu hai detto durante la tua omelia pronunciata nella basilica vaticana alla presenza di Joseph Ratzinger, capo della Chiesa Cattolica Romana, quanto segue:

‘Terremoti, uragani e altre sciagure che colpiscono insieme colpevoli e innocenti non sono mai un castigo di Dio. Dire il contrario, significa offendere Dio e gli uomini. Sono però un ammonimento: in questo caso, l’ammonimento a non illuderci che basteranno la scienza e la tecnica a salvarci. Se non sapremo imporci dei limiti, possono diventare proprio esse, lo stiamo vedendo, la minaccia più grave di tutte’.

Tu hai mentito contro la verità, e lo hai fatto dinnanzi al mondo intero, in quanto la Sacra Scrittura, che è la Parola di Dio e quindi è verità afferma che Dio è l’autore delle sciagure che piombano sugli uomini, secondo che dice il profeta Amos: Una sciagura piomba ella sopra una città, senza che l’Eterno ne sia l’autore? (Amos 3:6), parole queste che si accordano con queste altre dette da Dio tramite il profeta Isaia: Io sono l’Eterno, e non ve n’è alcun altro; io formo la luce, creo le tenebre, do il benessere, creo l’avversità; io, l’Eterno, son quegli che fa tutte queste cose” (Isaia 45:6-7).

La Bibbia dunque afferma che non c’è sciagura che piomba sopra una città della quale non ne sia l’autore Dio, in quanto è Lui che crea l’avversità. Tu invece ti sei permesso di andare contro la Parola di Dio in questa maniera così sfacciata, dicendo proprio il contrario, e addirittura affermando che ‘dire il contrario, significa offendere Dio e gli uomini’. Ma che vai dicendo? Leggi e investiga le Sacre Scritture, perchè non le conosci. Come può essere offeso Dio quando si afferma quello che Lui ha detto tramite i Suoi profeti, in quanto essi parlarono da parte di Dio sospinti dallo Spirito Santo? Dio semmai viene offeso dalle ciance che gli uomini si inventano contro la Sua Parola, come in questo caso hai fatto proprio tu.

Ma voglio entrare nello specifico di quanto tu hai detto per dimostrarti che tu erri grandemente perchè non conosci le Scritture.

Ora tu dici: ‘Terremoti, uragani e altre sciagure che colpiscono insieme colpevoli e innocenti non sono mai un castigo di Dio’.

Cosa dice la Scrittura a proposito dei terremoti? la Bibbia dice che essi avvengono per l’ira di Dio, per cui sono una manifestazione dell’ira di Dio. Continua a leggere

23 aprile 2011 Posted by | Alluvioni, Cattolicesimo Romano, False dottrine, Giudizio di Dio, Raniero Cantalamessa, Siccità, Terremoti, Terremoto, Uragani | Lascia un commento

● ‘Il tesoro di San Pietro’

Questo documentario, seppur datato, è prezioso perchè fa vedere in cosa consiste parte del cosiddetto ‘tesoro di San Pietro’.

E dire che il Signore Gesù Cristo disse:

Non vi fate tesori sulla terra, ove la tignola e la ruggine consumano, e dove i ladri sconficcano e rubano; ma fatevi tesori in cielo, ove né tignola né ruggine consumano, e dove i ladri non sconficcano né rubano. Perché dov’è il tuo tesoro, quivi sarà anche il tuo cuore” (Matteo 6:19-21),

e l’apostolo Pietro un giorno disse:

“Dell’argento e dell’oro io non ne ho …” (Atti 3:6)!

Questo cosiddetto ‘tesoro’ dunque dimostra che la Chiesa Cattolica Romana è una Chiesa non apostolica ma APOSTATA.

 

Credo che anche le successive immagini che vedrete parlino da sole, e che dimostrino quanto “oro e argento” sia prodotto ancora oggi in abbondanza per accrescere i tesori terreni della Chiesa Cattolica Romana!

(Cliccate sulle foto per ingrandirle, e poi cliccate di nuovo per lo zoom) Continua a leggere

10 aprile 2011 Posted by | 8x1000, Cattolicesimo Romano, Documentari, Ricchezze, Tesoro di san pietro | Lascia un commento

● Contro l’Ave Maria, il rosario e il rosario elettronico

Contro le menzogne su Maria, madre di Gesù, insegnate dalla Chiesa Cattolica Romana

(135 minuti – mp3)

Cattolici Romani, Maria non può salvarvi!

(40 minuti – mp3)

A quali condizioni saranno esaudite le nostre preghiere

(135 minuti – mp3)

__________________________________

Il rosario è sia un oggetto materiale che un modo di pregare che usano i Cattolici romani nella loro devozione a Maria. Con questo modo di pregare essi recitano cinque decine di Ave Maria, che sono intercalate ad ogni dieci da un Padre Nostro e da una brevissima meditazione detta mistero che consiste nel ricordare qualcosa che concerne la redenzione, come la intendono i Cattolici, quindi pensando anche all’intervento di Maria, infatti i due ultimi misteri si rferiscono all’assunzione di Maria ed alla sua incoronazione in cielo che non sono altro che favole.

Per facilitare la recita di tale preghiere essi adoperano un oggetto chiamato Rosario o Corona, formato da una serie di cinquanta piccoli grani incatenati tra di loro e divisi ad ogni decina da un grano un pò più grosso. I grani piccoli rappresentano le Ave Maria, mentre i più grossi i Pater Noster.

Il rosario ‘completo’ consiste nella recita di tre corone.

Parlando del Rosario si deve parlare della preghiera rivolta a Maria che porta il nome di Ave Maria, nome che gli é stato dato dai Cattolici con le parole che l’angelo Gabriele rivolse a Maria quando le apparve e la salutò, appunto: “Ave (Ti saluto)” (vedi Luca 1:28).

Questa preghiera ha un pò più di quattro secoli di vita dato che fu introdotta al completo nel breviario nel 1568.

La preghiera dice: ‘Ave o Maria. Piena di grazia il Signore è con te. Tu sei benedetta fra le donne e benedetto è il frutto del tuo seno, Gesù. Santa Maria, Madre di Dio prega per noi, peccatori, adesso e nell’ora della nostra morte’.

Come potete vedere questa preghiera è un’invocazione a Maria nella quale ci sono anche le parole che Elisabetta rivolse a Maria quando questa l’andò a trovare; in essa Maria viene chiamata piena di grazia e madre di Dio cose che non sono vere perché Maria non era né piena di grazia e neppure la madre di Dio, ma solo una umile ancella del Signore che partorì Gesù.

Con questa preghiera i Cattolici dicono a Maria di pregare per loro in quel momento e nell’ora della loro morte, cosa che (…) Maria in cielo non può fare perché ella non può in nessuna maniera né ascoltarli e neppure intercedere per loro.

Ma io dico: ‘Ma quando mai nella Scrittura si dice che Maria volle che i discepoli di Gesù la pregassero? Ma quando mai Maria mentre era ancora viva lasciò detto loro di pregarla perché in cielo ella avrebbe potuto ascoltarli?

I Cattolici dicono le loro preghiere meccanicamente pensando di essere esauditi per la moltitudine delle loro parole: quello che importa loro è di raggiungere il numero di preghiere stabilito, niente di più.

Questo è il modo di pregare che contraddistingue i pagani dai Cristiani;

esso è vano perché Gesù ha detto:

“E nel pregare non usate soverchie dicerie come fanno i pagani, i quali pensano d’essere esauditi per la moltitudine delle loro parole. Non li rassomigliate dunque, poiché il Padre vostro sa le cose di cui avete bisogno, prima che gliele chiediate…” (Matt. 6:7,8).

La preghiera insegnataci da Gesù è il Padre nostro, secondo che è scritto:

“Voi dunque pregate così: Padre nostro che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome; venga il tuo regno; sia fatta la tua volontà anche in terra com’è fatta nel cielo. Dacci oggi il nostro pane cotidiano; e rimettici i nostri debiti come anche noi li abbiamo rimessi ai nostri debitori; e non ci esporre alla tentazione, ma liberaci dal maligno” (Matteo 6:9,13)

Eleviamola a Dio sotto l’impulso della grazia e con fede.

E’ chiaro però che noi credenti non siamo chiamati a dire solo questa preghiera a Dio, perché se leggiamo le epistole di Paolo vi troviamo delle particolari preghiere che quest’apostolo elevava a Dio per i fratelli [1] che faremo bene pure noi a innalzare con fede a Dio per i nostri fratelli. Poi vi sono tutte quelle preghiere fatte con lo spirito, ovvero mediante lo Spirito Santo (in altra lingua) che coloro che hanno ricevuto lo Spirito Santo sono chiamati ad elevare a Dio appunto per lo Spirito Santo,[2] senza intendere quello che essi dicono a Dio. Ed infine quelle invocazioni che rivolgiamo a Dio in circostanze particolari per noi (o per altri); prima di metterci in viaggio per chiedergli di proteggerci, in mezzo a certi pericoli, nella malattia affinché ci guarisca, o nel bisogno di qualcosa di materiale affinché supplisca al nostro particolare bisogno.

Ma in tutti questi casi le preghiere sono rivolte a Dio.

Infine, per quanto riguarda l’oggetto materiale fatto di grani di cui si usano i Cattolici romani per pregare bisogna dire che esso è di origine pagana perché viene usato dai tempi antichi sia tra i Buddisti che tra i Mussulmani, quindi è un’usanza, quella di pregare con il rosario, che affonda le sue radici nel paganesimo.

Tratto dal libro “La chiesa Cattolica Romana” di Giacinto Butindaro scaricabile gratuitamente in Pdf

_____________________________________________________________________

Note:
[1] Cfr. Ef.1:15,19; 3:14,19; Fil.1:9,11; Col.1:9,12; 2:1,3; 2° Tess.1:11,12
[2] Cfr. Rom.8:26,27; Ef.6:18; Giuda 20

_____________________________________________________________________

Articoli correlati:

● L’unica “immacolata concezione” nella Bibbia è quella di Gesù!

● Alcune domande su maria, per cattolici di buona volontà…

● Lista delle Eresie e delle invenzioni umane adottate e perpetrate dalla Chiesa Cattolica Romana …

● Ero un sacerdote cattolico… poi conobbi la verità che mi fece libero

● Contro il culto ai santi insegnato dalla chiesa cattolica romana…

● Lista di alcuni “anatema” mai revocati dal Cattolicesimo Romano…

● Contro l’ecumenismo con la Chiesa Cattolica Romana

● Occorre “ricercare” l’unità dei cristiani… un’altra menzogna del diavolo!

Articoli correlati da Link esterni:

ADI: la preghiera del Padre nostro non è più una preghiera da rivolgere a Dio



Share

19 febbraio 2011 Posted by | Ave Maria, Cattolicesimo Romano, Culto a Maria, Eresia, Eresie, Errori dottrinali, Preghiera, Rosario, Rosario elettronico, Rosario elettronico Prex | Lascia un commento

● Colui che viene chiamato papa non ha il potere di fare santo nessuno

A sei anni dalla morte del papa polacco

Il Vaticano annuncia: «Wojtyla sarà beatificato il primo maggio 2011»

Iniziati i lavori nella basilica di San Pietro per la realizzazione di una tomba

CITTÀ DEL VATICANO – Karol Wojtyla sarà beatificato il primo maggio 2011. L’annuncio della beatificazione di papa Wojtyla è stato dato con la promulgazione del decreto che attribuisce un miracolo all’intercessione di Giovanni Paolo II. Il direttore della sala stampa vaticana, padre Federico Lombardi, ha quindi annunciato che il rito di beatificazione avverrà il primo maggio, II domenica di Pasqua, della Divina misericordia, e sarà presieduto dal Papa. Benedetto XVI dunque ha apposto la sua firma sul fascicolo della beatificazione di Giovanni Paolo II ricevuto dal prefetto della congregazione per le Cause dei Santi il card. Angelo Amato.

I TEMPI – La beatificazione di Karol Wojtyla-Giovanni Paolo II avverrà dopo sei anni dalla morte, il 2 aprile del 2005. Benedetto XVI infatti ha derogato alle norme canoniche che prevedono si aspettino cinque anni dalla morte per aprire il processo canonico per la beatificazione. Il 13 maggio 2005, a poche settimane dalla sua elezione, invece, papa Ratzinger, nella cattedrale di San Giovanni, davanti al clero romano, annunciò in latino la propria decisione di consentire l’apertura immediata della causa canonica per Giovanni Paolo II. Era stato proprio il papa polacco a derogare per la prima volta a questa norma, consentendo l’immediato avvio del processo canonico per madre Teresa di Calcutta, morta nel 1997 e beatificata nel 2003. La conclusione nel 2011 del processo di beatificazione per Wojtyla indica che si è lavorato molto, esaminando una mole immensa di documenti e ascoltando tantissimi testimoni, per analizzare un pontificato di quasi 27 anni e l’intera vita di un personaggio che ha segnato la storia ecclesiale e non solo del Novecento.

LA TOMBA – Nella basilica di San Pietro sono già iniziati i lavori per la realizzazione di una tomba che, incastonata in uno degli altari, ospiterà il corpo del papa polacco una volta diventato beato. Dopo diverse ipotesi che sotto la forma di progetti sono passate per la scrivania dell’arciprete della basilica, il cardinale Angelo Comastri, Papa Ratzinger ha approvato quello che vedrà le spoglie di Wojtyla traslate dalle Grotte Vaticane, dove si trovano ora, alla cappella di San Sebastiano collocata alla destra della navata centrale tra la Pietà di Michelangelo e la Cappella del Santissimo Sacramento. Al momento, la cappella, oltre alle statue di Pio XI e Pio XII poste ciascuna a un lato, ospita il monumento del beato Innocenzo XI per le quali comunque l’ufficio tecnico della Fabbrica di San Pietro ha già individuato una nuova collocazione presso l’altare della Trasfigurazione di Cristo. Lo spazio sottostante al mosaico di San Sebastiano, da cui hanno preso avvio i lavori con un’ opera di ripulitura, sarà dunque occupato dalla salma di Giovanni Paolo II, dopo la cerimonia di beatificazione.

DUE PROGETTI – La notizia della traslazione della salma di Wojtyla una volta concluso il processo di beatificazione era stata confermata dal cardinale Comastri nel febbraio scorso. Allora però l’arciprete della basilica vaticana era ancora incerto sulla collocazione precisa della tomba solenne. Ora appare chiaro che il progetto di collocarla dal lato della Porta della Preghiera vicino l’ingresso di Santa Marta, soluzione che avrebbe agevolato il notevole afflusso di pellegrini atteso sulla tomba del papa polacco, è tramontato a favore di una che colloca il monumento più centralmente nella basilica ma sempre a una distanza relativamente ridotta dall’ingresso principale per favorire il via vai del popolo del «Santo subito» che, già in fermento per l’avvicinarsi della beatificazione, prevedibilmente affollerà la cappella copioso. Per quanto riguarda più nello specifico la realizzazione della tomba, due sono i progetti al vaglio. Si tratterà o di un monumento in pietra, senza esposizione del corpo, o una teca in cui la salma sarà esposta con il volto ricoperto da una leggera maschera di protezione, realizzata in cera per ricalcare in maniera fedele i lineamenti di Giovanni Paolo II, come già avvenne per Giovanni XXIII. (fonte: Ansa)

Notizia tratta da: http://www.corriere.it/cronache/11_gennaio_14/wojtyla-beatificato-maggio_cc42fff8-1fce-11e0-aeb3-00144f02aabc.shtml

______________________________________________________

Colui che viene chiamato papa non ha il potere di fare santo nessuno Continua a leggere

14 gennaio 2011 Posted by | Beatificazione Giovanni Paolo II, Beatificazione Karol Wojtyla, Beatificazione Wojtyla, Carol Wojtyla, Cattolicesimo Romano, Culto ai Santi, Eresia, Eresie, Errori dottrinali, Giovanni Paolo II, Papa, Papa Wojtyla "santo", Varie | 2 commenti

● Cattolici Romani, la confessione al prete non vi riconcilia con Dio

Cattolici Romani, ecco come potete ricevere la remissione dei peccati!

(78 minuti – mp3)

_________________________________

Ascoltatemi, Cattolici Romani, vi è stato insegnato che la confessione al prete è il sacramento della riconciliazione perché il prete mediante la sua assoluzione riconcilia l’uomo con Dio.

Ma questa affermazione è falsa perché l’uomo può riconciliarsi con Dio direttamente mediante Cristo Gesù senza il bisogno di nessun mediatore terreno.

I vostri teologi per sostenere che i preti hanno in loro la parola della riconciliazione per riconciliare gli uomini con Dio, come l’avevano prima di loro gli apostoli, prendono le seguenti parole di Paolo ai Corinzi: Continua a leggere

14 gennaio 2011 Posted by | Cattolicesimo Romano, Confessionale, Confessione auricolare, Penitenza, Perdono dei peccati, Remissione dei peccati | Lascia un commento

● L’unica “immacolata concezione” nella Bibbia è quella di Gesù!

Contro le menzogne su Maria, madre di Gesù, insegnate dalla Chiesa Cattolica Romana    (135 minuti – mp3)

Cattolici Romani, Maria non può salvarvi! (40 minuti – mp3)

_____________________________________________________

IL CULTO A MARIA

La chiesa cattolica romana, come ben sapete, tributa un culto a Maria, la madre di Gesù. A Maria sono rivolte preghiere e canti; le statue e le immagini che la raffigurano sono un po’ da per tutto, nelle basiliche cattoliche, negli ospedali, negli orfanotrofi, nei collegi, per le strade, per le piazze, sui monti, nelle grotte, nelle case; per esse molta gente va in delirio, davanti ad esse molte persone si prostrano invocandola affinché li aiuti, li guarisca, li consoli, e affinché li salvi. Continua a leggere

24 dicembre 2010 Posted by | Ave Maria, Cattolicesimo Romano, Culto a Maria, Culto ai Santi, Maria madre di Gesù, Menzogne su Maria, Rosario, Rosario elettronico | Lascia un commento

● La festa di natale: perchè non va santificata

La festa di natale: perchè non va santificata (86 minuti – mp3)

Cattolici Romani, convertitevi dagli idoli all’Iddio vivente (44 minuti)

________________________________________

La dottrina dei teologi papisti

“Il natale è una festa di precetto da santificare. Buona cosa è fare il presepio per natale.”

Tra le feste che la chiesa romana ordina di osservare vi è anche la festa di natale infatti essa, nel suo catechismo, è tra le cosiddette feste di precetto della Chiesa di cui essi devono ricordarsi per santificarla secondo il loro comandamento. Essa viene celebrata con tre messe di cui una a mezzanotte perché secondo la tradizione Gesù fu partorito da Maria in quell’ora.

Alla festa del natale sono collegate molte consuetudini: una di queste è quella di fare il presepio. Esso consiste in una rappresentazione figurale fatta con statuette dell’evento della nascita di Gesù Cristo.

Il catechismo cattolico riferisce l’origine del presepio in questi termini:

‘San Francesco d’Assisi aveva Continua a leggere

11 dicembre 2010 Posted by | Albero di Natale, Cattolicesimo Romano, Culto alle statue, Festa pagana, Idolatria, Idolatria religiosa, Insegnamenti eretici, Insegnamenti errati, Natale, Papa Giovanni Paolo II, Papa Wojtyla, Presepe, Presepio, Secondo Comandamento, Tradizioni Pagane | 3 commenti

● L’ecumenismo avanza anche nel Messinese…

L’ecumenismo avanza anche nel Messinese…

Dopo Ragusa, altri pastori evangelici si sono riuniti il 4 dicembre e hanno pregato insieme a preti cattolici romani uniti “…dall’amore”, lanciando ad essi un “…messaggio di fratellanza” !

Non certo amore per la Parola di Dio però, che ci esorta a non metterci con gli infedeli sotto un giogo che non è per noi! Sotto questa tenda leggo infatti della presenza del parroco della Chiesa di Santa Lucia, Giovanni Ioppolo.

Ecco cosa leggiamo sulla Gazzetta del Sud Online del 5 dicembre:

Tutte le comunità cristiane unite dall’amore per Messina

Una preghiera di intercessione per la città di Messina. In centinaia si sono ritrovati nella villetta di Santa Lucia sopra Contesse, per un evento unico nel suo genere. Una preghiera che possa coinvolgere anche chi ha smesso di sperare, per quanti vivono nel malessere sociale, tra infermità e malattie, in un contesto che raramente riesce a tutelare le fasce più debole. Preghiera che si è levata simbolicamente da Santa Lucia, il “sud del sud”, una zona di Messina che più di altre avrebbe bisogno di aiuto per ritrovare una dignità perduta. Una carenza nelle infrastrutture che però non ha intaccato il desiderio di rivalsa degli abitanti del quartiere.

Un intento sottolineato dalle poche parole del parroco della Chiesa di Santa Lucia, Giovanni Ioppolo, che da buon anfitrione ha difeso il suo gregge, orgoglioso di poter ospitare in una zona bistrattata dalle istituzioni una manifestazione di coesione.

Un ritrovo che è stato fortemente voluto dal Risveglio Cristiano, che è riuscito a coinvolgere diverse Chiese della città, convinte nel lanciare in questo periodo di difficoltà un messaggio di fratellanza. Continua a leggere

6 dicembre 2010 Posted by | Abate Geremia, Angelo Cordima, Angelo Maiorana, Antonio Russo, Apostasia, Cattolicesimo Romano, Comportamenti sconvenienti, Ecumenismo, Franco Spuria, Giovanni Ioppolo, Giuseppe Maiorana, Lillo Lo Presti, Mimmo Petrungaro, Mimmo Tripodio, Natale Stracuzzi, Pastori ecumenici | 7 commenti

● Documento voluto da papa Ratzinger “L’unica chiesa di Cristo è quella cattolica”

Il documento risale a tre anni fa, ma mostra chiaramente come la pensa veramente la chiesa cattolica romana al riguardo di tutte le confessioni cristiane non cattoliche. Solo la chiesa cattolica… sarebbe la vera Chiesa di Cristo! Consiglio perciò vivamente la seguente lettura che smaschera gli inganni dell’ecumenismo con la chiesa di roma:

● Contro l’ecumenismo con la Chiesa Cattolica Romana

______________________________________________________

 

Documento voluto da papa Ratzinger
“L’unica chiesa di Cristo è quella cattolica”

Il Pontefice approva un testo dove Roma viene posta al di sopra Lo strale più forte contro i protestanti, “carenze” per gli ortodossi

CITTA’ DEL VATICANO – Roma contro Lutero e la Riforma per affermare il primato del Papa e della chiesa cattolica sulle altre. Perché Cristo ha costituito “sulla terra un’unica Chiesa”, che si identifica “pienamente” solo nella Chiesa cattolica e non nelle altre comunità cristiane. E’ quanto afferma il documento “Risposte a quesiti riguardanti alcuni aspetti circa la dottrina della Chiesa” redatto dalla Congregazione vaticana per la Dottrina della Fede, diffuso oggi dalla Santa Sede e approvato dal Papa che ne ha ordinato la pubblicazione. Continua a leggere

29 novembre 2010 Posted by | Cattolicesimo Romano, Dottrine False, Ecumenismo, Eresie, Papa Benedetto XVI, Papa Ratzinger | Lascia un commento

● Contro la Messa di Suffragio e il Purgatorio

La messa di suffragio

La Bibbia, negando il purgatorio, nega anche ogni possibilità di suffragio in favore di coloro che i teologi cattolici dicono essere in purgatorio ad espiare i loro debiti.

Il suffragio, dunque, è un’invenzione religiosa al pari del purgatorio.

La Parola del Signore ci ricorda che “ciascuno porterà il suo proprio carico” (Gal. 6:5) e che nessuno “può in alcun modo redimere il fratello, né dare a Dio il prezzo del riscatto d’esso” (Salmo 49:7). Come si può quindi credere che i vivi possono in qualche maniera offrire a Dio un sacrificio espiatorio per i morti?

Il suffragio è una dottrina contraria agli insegnamenti del Signore. L’unico sacrificio propiziatorio che ha valore è quello compiuto da Gesù Cristo quando offrì se stesso sulla croce per i nostri peccati; ed esso, come dice la Bibbia, è stato compiuto una volta per sempre e quindi è irripetibile. Ed oltre a ciò esso può giovare solo ai vivi, nel senso che ne possono beneficiare solo i viventi, per coloro infatti che lo accettano c’è la remissione dei peccati assicurata per l’eternità.

Ma quanto a coloro che sono morti nei loro peccati questo sacrificio non può più in alcun modo servire essendo finito per loro il tempo in cui potevano credere in esso ed essere perdonati. “Se un albero cade verso il sud o verso il nord, dove cade, là rimane” (Eccl. 11:3). Nessun cosiddetto sacrificio espiatorio (che sia la messa, o un’elemosina, o altro) offerto per loro da coloro che sono rimasti sulla terra potrà mai servirgli.

Oggi è il giorno della grazia, il giorno in cui tu e i tuoi cari che sono in vita potete volgervi al Signore e ricevere la salvezza mediante la fede in Lui.

La dottrina del Purgatorio a confronto con la Bibbia

La chiesa cattolica insegna che Continua a leggere

1 novembre 2010 Posted by | Cattolicesimo Romano, Defunti, Eresie, Falsi insegnamenti, Messa, Messa di suffragio, Purgatorio | Lascia un commento

● L’Intesa con lo Stato e l’8 per mille, ovvero quando la Chiesa fa il male per ricavarne del bene

L’Intesa con lo Stato e l’8 per mille, ovvero quando la Chiesa fa il male per ricavarne del bene

Una confutazione delle Intese Chiesa-Stato, con particolare riferimento all’Intesa stipulata dalle Assemblee di Dio in Italia con lo Stato Italiano

__________________________________________

La storia delle Intese e dell’8 per mille

Dalla Legge delle Guarentigie (1871) al Concordato (1929), e alla Costituzione (1948)

Per comprendere bene come mai oggi le Confessioni religiose possono stipulare una Intesa con lo Stato, e alcune di esse tra cui alcune Chiese Evangeliche le hanno stabilite, occorre partire da lontano, e precisamente dalla nascita del Regno d’Italia.

Nel 1859-1860 Vittorio Emanuele II riuscì ad annettersi prima la Romagna e poi l’Umbria e le Marche, iniziando così la conquista dello Stato pontificio (che alla fine del 1860 era limitato solo al Lazio e alla città di Roma dove c’erano delle truppe francesi a difesa dello Stato pontificio). Nel febbraio del 1861 ci fu la prima convocazione del Parlamento Italiano, e nel mese successivo Vittorio Emanuele II fu proclamato re d’Italia. Continua a leggere

6 ottobre 2010 Posted by | 5x1000, 8x1000, ADI (Assemblee di Dio in Italia), Cardinale Casaroli, Cattolicesimo Romano, Chiesa Avventista del settimo giorno, Chiesa Battista, Chiesa Luterana, Chiesa Valdese, Chiese Metodiste, Chiese Valdesi, Concordato, Francesco Toppi, Giorgio Bouchard, Giorgio Spini, Giuseppe Di Masa, Giuseppe Malan, Guarentigie, Intesa ADI con lo Stato Italiano, Lelio Basso, Patti Lateranensi, Pio IX, Pio XI, Religione di stato, Sergio Bianconi, Sinodo Valdese | Lascia un commento

● Come la Chiesa Cattolica Romana ha manipolato i dieci comandamenti

I dieci comandamenti dati da Dio

Questi sono i dieci comandamenti che Dio pronunziò sul monte Sinai e che scrisse con il suo dito sulle due tavole di pietra che diede al suo servo Mosè.

  • Il primo: “Io sono l’Eterno, l’Iddio tuo, che ti ho tratto dal paese d’Egitto, dalla casa di servitù. Non avere altri dii nel mio cospetto” (Es. 20:2,3).
  • Il secondo: “Non ti fare scultura alcuna né immagine alcuna delle cose che sono lassù ne’ cieli o quaggiù sulla terra o nelle acque sotto la terra; non ti prostrare dinanzi a tali cose e non servir loro, perché io, l’Eterno, l’Iddio tuo, sono un Dio geloso che punisco l’iniquità dei padri sui figliuoli fino alla terza e alla quarta generazione di quelli che mi odiano, e uso benignità, fino alla millesima generazione, verso quelli che m’amano e osservano i miei comandamenti” (Es. 20:4-6). Continua a leggere

4 ottobre 2010 Posted by | 10 comandamenti, Cattolicesimo Romano, Dottrine False | Lascia un commento

● Secondo la Chiesa Cattolica Romana l’uomo discende dai bruti; Non così secondo la Bibbia!

Secondo la Chiesa Cattolica Romana l’uomo discende dai bruti; secondo la Bibbia NO

Dottrina papista

Pio XII (1939-1958) nell’enciclica Humani Generis (1950) affermò quanto segue: ‘Il Magistero della Chiesa non proibisce che in conformità dell’attuale stato delle scienze e della teologia, sia oggetto di ricerche e discussioni, da parte dei competenti in tutti e due i campi, la dottrina dell’evoluzionismo, in quanto cioè essa fa ricerche sull’origine del corpo umano, che proverrebbe da materia organica preesistente (la fede cattolica ci obbliga a ritenere che le anime sono state create immediatamente da Dio)’.

Come potete vedere in questa enciclica l’evoluzione non venne affatto condannata, ma venne implicitamente ammessa sia pure come ipotesi e con prudenza. Il fatto che anche i teologi furono incoraggiati a fare delle ricerche e a discuterne dimostrò certamente un certo favore della chiesa cattolica verso questa teoria dell’evoluzione. Sono passati quasi cinquanta anni da quella enciclica; come stanno oggi le cose? Continua a leggere

3 ottobre 2010 Posted by | Adamo ed Eva, Bruti, Cattolicesimo Romano, Creazione, Dottrine False, Evoluzione, Scimmia, Teoria dell'evoluzione, Uomini primitivi | Lascia un commento

● Il PAPA… e la Parola di Dio

1) Il nome PAPA significa “PADRE”. Egli si definisce ed è chiamato ”il santo padre”, ma questo titolo spetta solo a Dio Padre Onnipotente, unico e solo senza peccato. – Egli dice di essere il ”capo della chiesa” quando a Cristo solamente appartiene il primato della Chiesa e di ogni cosa. –  Egli ancora afferma di essere il ”vicario di Cristo” cioè il rappresentante di Cristo in terra. Questo titolo spetta esclusivamente allo Spirito Santo (Giovanni 16:13-14).  Gesù non approva questi titoli onorifici, leggiamo nella Bibbia Matteo 23:8-9-10 Continua a leggere

2 ottobre 2010 Posted by | Cattolicesimo Romano, Giovanni Paolo II, Giovanni XIV, Giovanni XV, Giovanni XXIII, Gregorio IX, Innocenzo III, Innocenzo IV, Leone IV, Paolo VI, Papa, Pio IV, Pio IX, Pio X, Pio XI | Lascia un commento

● Le Chiese delle AD (Assemblee di Dio) riconoscono il battesimo dei bambini dei Valdesi-Metodisti

Il battesimo in acqua

(97 minuti – mp3)

_____________________________________

Nel luglio del 2009 le AD (Assemblee di Dio), che sono un gruppo di Chiese Pentecostali, hanno stretto un patto con le Chiese Valdesi-Metodiste.

Nel documento dal titolo ‘PER UN PATTO TRA LA CHIESA CRISTIANA EVANGELICA ASSEMBLEE DI DIO E LA CHIESA EVANGELICA VALDESE’ dell’8 Luglio 2009, che è stato approvato da una Commissione che era formata per la Chiesa Cristiana Evangelica AD da Aldo ABBATTISTA, Samuele RUSSO, e Eliseo TAMBONE; per la Chiesa Valdese da Emanuele FIUME, Eric NOFFKE, e Paolo RICCA; e per le Chiese Metodiste da Giovanni ANZIANI’, leggiamo tra le altre cose che questo patto implica ‘il reciproco riconoscimento dei ministeri, dei sacramenti celebrati nelle nostre chiese, delle rispettive Confessioni di Fede, degli ordinamenti ecclesiastici’ (documento pdf, pag. 9), ed entrando nel merito del battesimo viene affermato: ‘La Chiesa AD, che non pratica il battesimo dei bambini, riconosce come cristiani battezzati i membri della Chiesa Valdese che, battezzati da bambini, abbiano confermato il loro battesimo con una personale confessione di fede in Gesù Cristo. Continua a leggere

29 settembre 2010 Posted by | AD (Chiesa Cristiana Evangelica Assemblee di Dio), Battesimo, Battesimo per aspersione, Chiesa Valdese, Chiese Metodiste, Chiese Valdesi, Ecumenismo | Lascia un commento

● Ero un sacerdote cattolico… poi conobbi la verità che mi fece libero

Salvatore Gargiulo, dopo un lungo ministero sacerdotale, scopre che il cattolicesimo non è cristianesimo e lo abbandona per trovare la liberazione in Cristo e nell’Evangelo.

Ex sacerdoti escono dal cattolicesimo romano… Come mai invece pastori evangelici vogliono rientrarvi?

Salvatore Gargiulo Testimonianza di un Ex Prete 1/4

Salvatore Gargiulo Testimonianza di un Ex Prete 2/4

Salvatore Gargiulo Testimonianza di un Ex Prete 3/4

Salvatore Gargiulo Testimonianza di un Ex Prete 4/4

___________________________________________________________________________________________

“Ero fermamente convinto che il Papa fosse il successore di Pietro ed il vicario di Cristo. Licenziatomi in teologia, nel 1951, e divenuto prete, mi ero proposto di essere per tutta la vita un figlio devoto del romano pontefice, il “santo padre”. Un buon sacerdote è anche un fervoroso devoto della Madonna, e tale ero anch’io, propugnatore della recita del rosario, divulgatore dei messaggi mariani di Lourdes e di Fatima.

Ora che conosco la Parola di Dio, so che le apparizioni mariane non sono altro che inganni diabolici, Continua a leggere

29 agosto 2010 Posted by | Cattolicesimo Romano, Ecumenismo, Salvatore Gargiulo, Testimonianze | Lascia un commento

● Contro l’ecumenismo con la Chiesa Cattolica Romana

Perchè l’ecumenismo è una macchinazione del diavolo

(106 minuti – mp3)

______________________________________

IL CAMBIAMENTO DI ATTEGGIAMENTO DELLA CHIESA CATTOLICA NEI CONFRONTI DELL’ECUMENISMO

 

Nell’enciclica Mortalium Animos (1928) di Pio XI (1922-1939) si legge:

‘Ma dove sotto l’apparenza di bene si cela più facilmente l’inganno è quando si tratta di promuovere l’unità tra tutti quanti i cristiani. Non forse è giusto – si sente dire – anzi non è doveroso che quanti invocano il nome di Cristo si astengano dalle recriminazioni mutue e si uniscano una volta tanto con un poco di carità vicendevole? E chi può asseverare di amare Cristo, se non fa il possibile per andare incontro ai desideri di Lui, che pregava il Padre affinché i discepoli fossero ‘una cosa sola’? (…)

Lo stesso Gesù non volle forse che i Suoi discepoli conservassero come una caratteristica e come un distintivo, l’amore tra di loro? (…) Continua a leggere

27 agosto 2010 Posted by | Agostino di Ippona, Anabattisti, Calvino, Cattolicesimo Romano, Circolare Buffarini-Guidi, David Du Plessis, Ecumenismo, Ernesto D. Bretscher, Gesuiti, Giovanni Paolo II, Giovanni Traettino, Giovanni XXIII, Giulio III, Gregorio IX, Ignazio Loyola, Innocenzo III, Innocenzo IV, Inquisizione, Lutero, Matteo Calisi, Oscar Culmann, Paolo VI, Papa, Pentecostali, Persecuzione, Pio IX, Pio XI, Roberto Bracco, Ugonotti, Unità dei cristiani, Valdesi, Vaticano | Lascia un commento