Egli è altresì scritto…

Blog di Nicola Iannazzo

● Sinodo Luterano: Sì alla benedizione delle coppie omosessuali

I sacerdoti Luterani Omosessuali Lars Gårdfeldt e Lars Arnell

Contro i perversi e vani ragionamenti fatti da alcune Chiese Evangeliche a favore dell’omosessualità…

(118 minuti – mp3)

__________________________________

Roma, 14 maggio 2011 (NEV-CS23) – “Siamo contenti ed orgogliosi di quella che possiamo definire una decisione storica per la nostra chiesa e che speriamo possa essere uno stimolo per ravvivare la discussione su questi temi nella società italiana”.

Così si è espresso il pastore Holger Milkau, decano della Chiesa evangelica luterana in Italia (CELI), immediatamente dopo la votazione con cui il Sinodo dei luterani italiani ha espresso il proprio sì definitivo alla benedizione di unioni di vita non tradizionali, etero ed omosessuali. I 54 sinodali, riuniti a Roma, presso Villa Aurelia, dal 12 al 15 maggio, hanno infatti approvato a larghissima maggioranza il documento stilato dalla Commissione sinodale istituita lo scorso anno, nel quale si afferma che “l’omosessualità fa parte delle espressioni della sessualità, quindi rappresenta una condizione naturale”.

Per questo “la condanna morale dell’omosessualità non può essere in nessun modo giustificata”. Nemmeno, e a maggior ragione, nella chiesa.

“La benedizione delle unioni di vita non tradizionali riguarda le coppie sia etero che omosessuali – sottolinea la presidente del Sinodo Christiane Groeben, che ha anche condotto i lavori della Commissione sulle benedizioni -. Riteniamo infatti che il compito della chiesa sia quello di accompagnare i cristiani nel loro percorso di vita ascoltando la Parola di Dio e osservando i cambiamenti sociali. E quello che osserviamo è che nel campo delle relazioni umane esiste una molteplicità di comunioni di vita, comprese quelle omosessuali, vissute in maniera responsabile e basate sulla volontarietà, sulla continuità e la fiducia, verso cui la chiesa ha delle responsabilità pastorali che non può eludere”.

Il documento approvato distingue tra matrimonio e benedizione; una distinzione che però non diminuisce l’importanza di quest’ultima che rappresenta lo sguardo amorevole che Dio volge verso chi si incammina in percorso di vita comune, indipendentemente dal proprio orientamento sessuale. Nel testo sono poi definiti tre requisiti per la cerimonia di benedizione: uno dei due partner della coppia deve essere luterano o appartenere a una chiesa sorella; è necessario il consenso della presidenza della chiesa locale interessata; ed, infine, il consenso del pastore titolare della comunità.

“Questo documento ha un grande valore per noi – ha voluto sottolineare il decano Milkau – per due motivi. In primo luogo è il risultato di un anno di discussioni nelle diverse chiese locali, un processo di confronto e dibattito che ha garantito il formarsi di un sostanziale consenso nella chiesa. In secondo luogo, esso sarà il contributo della CELI al percorso di riflessione su ‘Matrimonio, famiglia e omosessualità’ avviato dalla Federazione luterana mondiale (FLM) nel 2007 e che si concluderà l’anno prossimo.

Il Sinodo prosegue i lavori questa sera e si concluderà domani mattina con un culto presso la Christuskirche di via Sicilia 70.

Tratto da: http://giacintobutindaro.org/2011/05/14/sinodo-luterano-si-alla-benedizione-delle-coppie-omosessuali/

_______________________________________________________________________________

Lutero contro i luterani.

Vediamo cosa ha detto Martin Lutero su l’omosessualità:

Martin Luther correctly identifies homosexuality with the sin of Sodom. Commenting on Genesis 19:4-5 he writes:

“I for my part do not enjoy dealing with this passage, because so far the ears of the Germans are innocent of and uncontaminated by this monstrous depravity; for even though disgrace, like other sins, has crept in through an ungodly soldier and a lewd merchant, still the rest of the people are unaware of what is being done in secret. The Carthusian monks deserve to be hated because they were the first to bring this terrible pollution into Germany from the monasteries of Italy”. (Luther’s Works, Vol. 3, 251-252)

And then in the same section of the Genesis lecturers, Luther refers to:

“The heinous conduct of the people of Sodom ” as “extraordinary, inasmuch as they departed from the natural passion and longing of the male for the female, which is implanted into nature by God, and desired what is altogether contrary to nature. Whence comes this perversity? Undoubtedly from Satan, who after people have once turned away from the fear of God, so powerfully suppresses nature that he blots out the natural desire and stirs up a desire that is contrary to nature”. (Luther’s Works, Vol. 3, 255)

Come si può vedere, Lutero è del tutto contrario a quello che pensano questi luterani.

_______________________________________________________________________________

“Guai a quelli che chiaman bene il male, e male il bene, che mutan le tenebre in luce e la luce in tenebre, che mutan l’amaro in dolce e il dolce in amaro! Guai a quelli che si reputano savi e si credono intelligenti!” (Isaia 5:20-21)

_______________________________________________________________________________

Articoli correlati:

● Contro i perversi e vani ragionamenti fatti da alcune Chiese Evangeliche a favore dell’omosessualità

● Marco Bouchard parla della decisione del Sinodo Valdese di benedire le coppie omosessuali

● Remo Cristallo, presidente della Federazione delle Chiese Evangeliche Pentecostali (FCP): la decisione del Sinodo Valdese di benedire le coppie omosessuali va rispettata ma non condivisa

● Lettera di Remo Cristallo e risposta di Giacinto Butindaro

● Lettera aperta ai membri della Federazione delle Chiese Pentecostali


Articoli correlati da Link esterni:



Share

Annunci

15 maggio 2011 Posted by | Chiesa Luterana, Comportamenti abominevoli davanti a Dio, Comportamenti sconvenienti, Eresia, Eresie, Omosessualità, Sinodo Luterano | Lascia un commento

● Giovanni Paolo II: un altro idolatra che verrà beatificato

Beati coloro che muoiono nel Signore

(82 minuti – mp3)

_______________________

In questi giorni tutti i media parlano della beatificazione di Giovanni Paolo II, prevista dalla Chiesa Cattolica Romana in Vaticano per il prossimo 1 Maggio 2011. Ora, in seguito a questa cerimonia questo uomo sarà dichiarato beato! Ma egli non è e non sarà mai beato, e questo perchè era un idolatra e gli idolatri quando muoiono vanno all’inferno in attesa della condanna definitiva ed eterna che sarà loro data da Dio nel giorno del giudizio. Questa beatificazione quindi è una cerimonia senza alcun valore davanti a Dio.
Che Giovanni Paolo II era un idolatra è manifesto, infatti era un ardente devoto di Maria (cioè un mariano), e non perdeva occasione per renderle il culto. Egli attribuì la sua incolumità in seguito all’attentato subito nel 1981 all’apparizione della ‘Madonna’ di Fatima. Poco dopo l’aggressione alla sua vita, egli consacrò il mondo intero al Cuore Immacolato di Maria. Inoltre, nell’ottobre del 2000, Giovanni Paolo ordinò che la statua ‘miracolosa’ della ‘Madonna’ di Fatima fosse portata in Vaticano in occasione del Gran Giubileo. Domenica 8 ottobre 2000, Giovanni Paolo II assieme a 1.500 vescovi, affidò l’umanità e il terzo millennio alla ‘Madonna’ di Fatima. Oltre a ciò, va detto che la sua forte devozione mariana ha rafforzato la devozione mariana in tutto il mondo. La seguente affermazione, fatta da Giovanni Paolo II nel 2002, ha caratterizzato dal principio alla fine il suo pontificato. Sia lui sia la chiesa cattolica romana, proclamarono che la Regina dei Cieli è fra coloro ai quali essi affidano il proprio futuro.

Rivolgendosi a Maria come alla ‘Madre Santissima’ Giovanni Paolo II pregò:

‘A te [Maria] restituisco tutti i frutti della mia vita e del mio ministero. A te affido il futuro della Chiesa, a te offro la mia nazione, in te confido e dichiaro ancora una volta: Totus Tuus, Maria!’

I Mariani sono degli idolatri perché offrono il culto ad una creatura invece che al Creatore; sono degli idolatri perché la Scrittura dice: “Adora il Signore Iddio tuo, ed a lui solo rendi il culto” (Matt. 4:10), mentre loro adorano Maria da loro considerata la loro Signora.

E’ vero che loro dicono: ‘Ma noi non l’adoriamo ma la veneriamo’, ma ciò non corrisponde assolutamente al vero in quanto i fatti dimostrano il contrario. Come fanno a dire che la loro venerazione non è idolatria quando essi cantano, pregano e invocano Maria quasi che fosse Dio?

C’è un’altra affermazione a cui i Cattolici romani ricorrono allo scopo di fare credere che loro non adorano Maria ma adorano solo Dio, ed è questa: Continua a leggere

27 aprile 2011 Posted by | Beatificazione Giovanni Paolo II, Beatificazione Karol Wojtyla, Beatificazione Wojtyla, Cattolicesimo Romano, Chiesa Cattolica Romana, Eresia, Eresie, Idolatria, Idolatria religiosa, Papa, Papa Giovanni Paolo II, Papa Wojtyla, Papa Wojtyla "santo", Purgatorio | 1 commento

● Le ADI e le false dottrine

Le ADI e le false dottrine

(104 minuti – mp3)

_______________

Molti anni fa le ADI hanno pubblicato un Manuale per le Scuole Domenicali che si intitola ‘Culti e Sette’. In esso vengono confutati sia pur molto brevemente e sommariamente gli insegnamenti dei Mormoni, degli Avventisti del Settimo Giorno, dei Testimoni di Geova, della Scienza Cristiana, della Chiesa di Dio Universale, della Scuola Cristianesimo ‘Unità’, del Branhamismo, di Culti Orientali, e di Movimenti e Culti Minori, del Cattolicesimo Romano, e della Teologia storico-critica.

Ora, nel primo capitolo che si intitola ‘I caratteri generali delle sette e dei culti’, viene detto tra le altre cose questo: Continua a leggere

23 marzo 2011 Posted by | ADI (Assemblee di Dio in Italia), ADI-Media, Apologetica, Confutare, Confutazione, Confutazioni Audio mp3, Dibattito cristiano-musulmano, Dottrine False, Eresia, Eresie, Errori dottrinali, Errori Dottrinali nelle ADI, Pastori ADI | Lascia un commento

● Mario Gozzi è un ammiratore del libro ‘Il Rifugio’ (The Shack), che è pieno di menzogne e lo consiglia ai credenti

Fratelli nel Signore, ecco l’esempio di un pastore privo di discernimento spirituale e cioè Mario Gozzi, che pubblicamente sulla sua bacheca di facebook consiglia a tutti i credenti la lettura di un libro diabolico e pieno di menzogne, (The Shack) “il Rifugio”, il cui autore William P. Young ha dichiarato che l’Iddio del Cristianesimo Evangelico è un MOSTRO!

Queste sono alcune delle menzogne contenute in questo libro, di cui potete leggerne la confutazione completa a questo link.

1) La Trinità si è incarnata in Gesù.
2) Lo Spirito Santo è chiamato da Gesù ‘la Creatività; l’Azione; il Soffio Vitale’ (pag. 145).
3) Non c’è nessuno che Dio odia.
4) Dio non punisce gli uomini per i loro peccati.
5) Il Signore Gesù non forza le persone a fare alcunché.
6) Dio Padre è e sarà sempre sottomesso a Gesù, e viceversa.
7) Dio è sottomesso all’uomo.
8) La vita di Gesù non è un esempio da copiare.
9) I morti sanno dove siamo.
10) La città celeste, cioè la Nuova Gerusalemme, è un simbolo.
11) In Gesù non siamo sottoposti a nessuna legge.
12) Dio non ha alcuna aspettativa nei nostri confronti.
13) Tutti gli uomini sono perdonati in Gesù.

__________________________________

Contro ‘Il Rifugio’, un libro pieno di menzogne diffuso da molte librerie evangeliche

(90 minuti – mp3)

________________________________________________________________________________

Guardatevi perciò e ritiratevi da Mario Gozzi poichè oltre ad insegnare il messaggio della prosperità, il pastorato femminile, e la “santa risata” induce i credenti senza discernimento a nutrirsi di letture diaboliche che incamminano in sentieri scabri e tortuosi allontanandoli dalla verità del vangelo.

“Or io v´esorto, fratelli, tenete d´occhio quelli che fomentano le dissensioni e gli scandali contro l´insegnamento che avete ricevuto, e ritiratevi da loro.” (Romani 16:17)

Ricordatevi delle parole di Gesù:

“…or se un cieco guida un altro cieco, ambedue cadranno nella fossa.” (Matteo 15:14).

 

________________________________

___________________________________________________________________________

Articoli correlati:

● State lontani dal libro ‘Il Rifugio’ (The Shack): è pieno di menzogne

● Guardatevi e ritiratevi da Mario Gozzi di Radio Fede Italia

Articoli correlati da link esterni:

State lontani da ‘Il Rifugio’ (The Shack): è pieno di menzogne


Share

27 febbraio 2011 Posted by | Eresia, Eresie, Errori dottrinali, False dottrine, Falsi cristiani, Falsi insegnamenti, Mario Gozzi, Mary Gozzi, The Shack, The Shack - "Il Rifugio", William P. Young | Lascia un commento

● Contro l’Ave Maria, il rosario e il rosario elettronico

Contro le menzogne su Maria, madre di Gesù, insegnate dalla Chiesa Cattolica Romana

(135 minuti – mp3)

Cattolici Romani, Maria non può salvarvi!

(40 minuti – mp3)

A quali condizioni saranno esaudite le nostre preghiere

(135 minuti – mp3)

__________________________________

Il rosario è sia un oggetto materiale che un modo di pregare che usano i Cattolici romani nella loro devozione a Maria. Con questo modo di pregare essi recitano cinque decine di Ave Maria, che sono intercalate ad ogni dieci da un Padre Nostro e da una brevissima meditazione detta mistero che consiste nel ricordare qualcosa che concerne la redenzione, come la intendono i Cattolici, quindi pensando anche all’intervento di Maria, infatti i due ultimi misteri si rferiscono all’assunzione di Maria ed alla sua incoronazione in cielo che non sono altro che favole.

Per facilitare la recita di tale preghiere essi adoperano un oggetto chiamato Rosario o Corona, formato da una serie di cinquanta piccoli grani incatenati tra di loro e divisi ad ogni decina da un grano un pò più grosso. I grani piccoli rappresentano le Ave Maria, mentre i più grossi i Pater Noster.

Il rosario ‘completo’ consiste nella recita di tre corone.

Parlando del Rosario si deve parlare della preghiera rivolta a Maria che porta il nome di Ave Maria, nome che gli é stato dato dai Cattolici con le parole che l’angelo Gabriele rivolse a Maria quando le apparve e la salutò, appunto: “Ave (Ti saluto)” (vedi Luca 1:28).

Questa preghiera ha un pò più di quattro secoli di vita dato che fu introdotta al completo nel breviario nel 1568.

La preghiera dice: ‘Ave o Maria. Piena di grazia il Signore è con te. Tu sei benedetta fra le donne e benedetto è il frutto del tuo seno, Gesù. Santa Maria, Madre di Dio prega per noi, peccatori, adesso e nell’ora della nostra morte’.

Come potete vedere questa preghiera è un’invocazione a Maria nella quale ci sono anche le parole che Elisabetta rivolse a Maria quando questa l’andò a trovare; in essa Maria viene chiamata piena di grazia e madre di Dio cose che non sono vere perché Maria non era né piena di grazia e neppure la madre di Dio, ma solo una umile ancella del Signore che partorì Gesù.

Con questa preghiera i Cattolici dicono a Maria di pregare per loro in quel momento e nell’ora della loro morte, cosa che (…) Maria in cielo non può fare perché ella non può in nessuna maniera né ascoltarli e neppure intercedere per loro.

Ma io dico: ‘Ma quando mai nella Scrittura si dice che Maria volle che i discepoli di Gesù la pregassero? Ma quando mai Maria mentre era ancora viva lasciò detto loro di pregarla perché in cielo ella avrebbe potuto ascoltarli?

I Cattolici dicono le loro preghiere meccanicamente pensando di essere esauditi per la moltitudine delle loro parole: quello che importa loro è di raggiungere il numero di preghiere stabilito, niente di più.

Questo è il modo di pregare che contraddistingue i pagani dai Cristiani;

esso è vano perché Gesù ha detto:

“E nel pregare non usate soverchie dicerie come fanno i pagani, i quali pensano d’essere esauditi per la moltitudine delle loro parole. Non li rassomigliate dunque, poiché il Padre vostro sa le cose di cui avete bisogno, prima che gliele chiediate…” (Matt. 6:7,8).

La preghiera insegnataci da Gesù è il Padre nostro, secondo che è scritto:

“Voi dunque pregate così: Padre nostro che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome; venga il tuo regno; sia fatta la tua volontà anche in terra com’è fatta nel cielo. Dacci oggi il nostro pane cotidiano; e rimettici i nostri debiti come anche noi li abbiamo rimessi ai nostri debitori; e non ci esporre alla tentazione, ma liberaci dal maligno” (Matteo 6:9,13)

Eleviamola a Dio sotto l’impulso della grazia e con fede.

E’ chiaro però che noi credenti non siamo chiamati a dire solo questa preghiera a Dio, perché se leggiamo le epistole di Paolo vi troviamo delle particolari preghiere che quest’apostolo elevava a Dio per i fratelli [1] che faremo bene pure noi a innalzare con fede a Dio per i nostri fratelli. Poi vi sono tutte quelle preghiere fatte con lo spirito, ovvero mediante lo Spirito Santo (in altra lingua) che coloro che hanno ricevuto lo Spirito Santo sono chiamati ad elevare a Dio appunto per lo Spirito Santo,[2] senza intendere quello che essi dicono a Dio. Ed infine quelle invocazioni che rivolgiamo a Dio in circostanze particolari per noi (o per altri); prima di metterci in viaggio per chiedergli di proteggerci, in mezzo a certi pericoli, nella malattia affinché ci guarisca, o nel bisogno di qualcosa di materiale affinché supplisca al nostro particolare bisogno.

Ma in tutti questi casi le preghiere sono rivolte a Dio.

Infine, per quanto riguarda l’oggetto materiale fatto di grani di cui si usano i Cattolici romani per pregare bisogna dire che esso è di origine pagana perché viene usato dai tempi antichi sia tra i Buddisti che tra i Mussulmani, quindi è un’usanza, quella di pregare con il rosario, che affonda le sue radici nel paganesimo.

Tratto dal libro “La chiesa Cattolica Romana” di Giacinto Butindaro scaricabile gratuitamente in Pdf

_____________________________________________________________________

Note:
[1] Cfr. Ef.1:15,19; 3:14,19; Fil.1:9,11; Col.1:9,12; 2:1,3; 2° Tess.1:11,12
[2] Cfr. Rom.8:26,27; Ef.6:18; Giuda 20

_____________________________________________________________________

Articoli correlati:

● L’unica “immacolata concezione” nella Bibbia è quella di Gesù!

● Alcune domande su maria, per cattolici di buona volontà…

● Lista delle Eresie e delle invenzioni umane adottate e perpetrate dalla Chiesa Cattolica Romana …

● Ero un sacerdote cattolico… poi conobbi la verità che mi fece libero

● Contro il culto ai santi insegnato dalla chiesa cattolica romana…

● Lista di alcuni “anatema” mai revocati dal Cattolicesimo Romano…

● Contro l’ecumenismo con la Chiesa Cattolica Romana

● Occorre “ricercare” l’unità dei cristiani… un’altra menzogna del diavolo!

Articoli correlati da Link esterni:

ADI: la preghiera del Padre nostro non è più una preghiera da rivolgere a Dio



Share

19 febbraio 2011 Posted by | Ave Maria, Cattolicesimo Romano, Culto a Maria, Eresia, Eresie, Errori dottrinali, Preghiera, Rosario, Rosario elettronico, Rosario elettronico Prex | Lascia un commento

● Marco Bouchard parla della decisione del Sinodo Valdese di benedire le coppie omosessuali


Contro i perversi e vani ragionamenti fatti da alcune Chiese Evangeliche a favore dell’omosessualità…

(118 minuti – mp3)

________________________________________

In questo programma radiofonico (del 28 Gennaio 2011) dedicato al mondo LGBTQ in onda su Antenna Radio Esse, viene affrontato il rapporto tra fede e omosessualità, in particolare le aperture della Chiesa Evangelica Valdese verso le coppie dello stesso sesso nel sinodo 2010 che ha sancito la benedizione delle coppie omosessuali, con Marco Bouchard presidente del sinodo 2010 che ha preso questa abominevole decisione.

Al minuto 7:18, l’intervistatrice chiede a Bouchard perché l’omosessualità non è incompatibile con un percorso di fede. Ecco la sua risposta: Continua a leggere

30 gennaio 2011 Posted by | Eresia, Eresie, Falsi insegnamenti, LGBTQ, Marco Bouchard, Omosessualità, Remo Cristallo, Scandali, Sinodo Valdese | Lascia un commento

● Gesù Cristo non è l’amico dei peccatori

Gesù Cristo non è amico dei peccatori

(69 minuti – mp3)

______________________________________

Non è giusto chiamare Gesù ‘l’amico dei peccatori’, come purtroppo fanno tanti credenti nella loro ignoranza, perché chiamare Gesù Cristo in questa maniera equivale ad offenderlo.

Era in questa maniera infatti che ai giorni di Gesù molti lo offesero secondo che è scritto che disse Gesù: “Ma a chi assomiglierò io questa generazione? Ella è simile ai fanciulli seduti nelle piazze che gridano ai loro compagni e dicono: Vi abbiam sonato il flauto, e voi non avete ballato; abbiam cantato de’ lamenti, e voi non avete fatto cordoglio. Difatti è venuto Giovanni non mangiando né bevendo, e dicono: Ha un demonio! È venuto il Figliuol dell’uomo mangiando e bevendo, e dicono: Ecco un mangiatore ed un beone, un amico dei pubblicani e de’ peccatori! Ma la sapienza è stata giustificata dalle opere sue” (Matt. 11:15-19).

Nota bene che Gesù nel dire che gli uomini dicevano del Figliuol dell’uomo che era un amico dei pubblicani e dei peccatori ha voluto dire che essi lo offesero e lo disonorarono dicendo quella cosa, perché oltre a questo essi dissero di lui che era un mangiatore e un beone Continua a leggere

22 gennaio 2011 Posted by | Amico dei peccatori, Eresia, Eresie, Errori dottrinali, Errori Dottrinali nelle ADI, Esortazioni, False dottrine, Falsi insegnamenti | Lascia un commento

● Colui che viene chiamato papa non ha il potere di fare santo nessuno

A sei anni dalla morte del papa polacco

Il Vaticano annuncia: «Wojtyla sarà beatificato il primo maggio 2011»

Iniziati i lavori nella basilica di San Pietro per la realizzazione di una tomba

CITTÀ DEL VATICANO – Karol Wojtyla sarà beatificato il primo maggio 2011. L’annuncio della beatificazione di papa Wojtyla è stato dato con la promulgazione del decreto che attribuisce un miracolo all’intercessione di Giovanni Paolo II. Il direttore della sala stampa vaticana, padre Federico Lombardi, ha quindi annunciato che il rito di beatificazione avverrà il primo maggio, II domenica di Pasqua, della Divina misericordia, e sarà presieduto dal Papa. Benedetto XVI dunque ha apposto la sua firma sul fascicolo della beatificazione di Giovanni Paolo II ricevuto dal prefetto della congregazione per le Cause dei Santi il card. Angelo Amato.

I TEMPI – La beatificazione di Karol Wojtyla-Giovanni Paolo II avverrà dopo sei anni dalla morte, il 2 aprile del 2005. Benedetto XVI infatti ha derogato alle norme canoniche che prevedono si aspettino cinque anni dalla morte per aprire il processo canonico per la beatificazione. Il 13 maggio 2005, a poche settimane dalla sua elezione, invece, papa Ratzinger, nella cattedrale di San Giovanni, davanti al clero romano, annunciò in latino la propria decisione di consentire l’apertura immediata della causa canonica per Giovanni Paolo II. Era stato proprio il papa polacco a derogare per la prima volta a questa norma, consentendo l’immediato avvio del processo canonico per madre Teresa di Calcutta, morta nel 1997 e beatificata nel 2003. La conclusione nel 2011 del processo di beatificazione per Wojtyla indica che si è lavorato molto, esaminando una mole immensa di documenti e ascoltando tantissimi testimoni, per analizzare un pontificato di quasi 27 anni e l’intera vita di un personaggio che ha segnato la storia ecclesiale e non solo del Novecento.

LA TOMBA – Nella basilica di San Pietro sono già iniziati i lavori per la realizzazione di una tomba che, incastonata in uno degli altari, ospiterà il corpo del papa polacco una volta diventato beato. Dopo diverse ipotesi che sotto la forma di progetti sono passate per la scrivania dell’arciprete della basilica, il cardinale Angelo Comastri, Papa Ratzinger ha approvato quello che vedrà le spoglie di Wojtyla traslate dalle Grotte Vaticane, dove si trovano ora, alla cappella di San Sebastiano collocata alla destra della navata centrale tra la Pietà di Michelangelo e la Cappella del Santissimo Sacramento. Al momento, la cappella, oltre alle statue di Pio XI e Pio XII poste ciascuna a un lato, ospita il monumento del beato Innocenzo XI per le quali comunque l’ufficio tecnico della Fabbrica di San Pietro ha già individuato una nuova collocazione presso l’altare della Trasfigurazione di Cristo. Lo spazio sottostante al mosaico di San Sebastiano, da cui hanno preso avvio i lavori con un’ opera di ripulitura, sarà dunque occupato dalla salma di Giovanni Paolo II, dopo la cerimonia di beatificazione.

DUE PROGETTI – La notizia della traslazione della salma di Wojtyla una volta concluso il processo di beatificazione era stata confermata dal cardinale Comastri nel febbraio scorso. Allora però l’arciprete della basilica vaticana era ancora incerto sulla collocazione precisa della tomba solenne. Ora appare chiaro che il progetto di collocarla dal lato della Porta della Preghiera vicino l’ingresso di Santa Marta, soluzione che avrebbe agevolato il notevole afflusso di pellegrini atteso sulla tomba del papa polacco, è tramontato a favore di una che colloca il monumento più centralmente nella basilica ma sempre a una distanza relativamente ridotta dall’ingresso principale per favorire il via vai del popolo del «Santo subito» che, già in fermento per l’avvicinarsi della beatificazione, prevedibilmente affollerà la cappella copioso. Per quanto riguarda più nello specifico la realizzazione della tomba, due sono i progetti al vaglio. Si tratterà o di un monumento in pietra, senza esposizione del corpo, o una teca in cui la salma sarà esposta con il volto ricoperto da una leggera maschera di protezione, realizzata in cera per ricalcare in maniera fedele i lineamenti di Giovanni Paolo II, come già avvenne per Giovanni XXIII. (fonte: Ansa)

Notizia tratta da: http://www.corriere.it/cronache/11_gennaio_14/wojtyla-beatificato-maggio_cc42fff8-1fce-11e0-aeb3-00144f02aabc.shtml

______________________________________________________

Colui che viene chiamato papa non ha il potere di fare santo nessuno Continua a leggere

14 gennaio 2011 Posted by | Beatificazione Giovanni Paolo II, Beatificazione Karol Wojtyla, Beatificazione Wojtyla, Carol Wojtyla, Cattolicesimo Romano, Culto ai Santi, Eresia, Eresie, Errori dottrinali, Giovanni Paolo II, Papa, Papa Wojtyla "santo", Varie | 2 commenti

● Serie di cose strane, comportamenti disordinati, dissacrazioni e frivolezze della “pastora” Roselen Boerner Faccio della Chiesa Evangelica Ministero Sabaoth di Milano






Perchè è sbagliato permettere alla donna di insegnare

(74 minuti – mp3)

_______________________________


Guardate cos’è la scuola “Scegli Gesù” della pastora Roselen Boerner Faccio del Ministerio Sabaoth di Milano

Fratelli nel Signore, ascoltate attentamente la ‘pastora’ Roselen, mentre spiega le origini del simbolo di ‘scegli Gesù‘, e in cosa consiste la scuola di scegli Gesù. Considerate fratelli miei, se è conveniente utilizzare un simbolo nato con uno scopo impuro per rappresentare il SANTO NOME DI GESU’ e il servizio sacro dell’ Evangelizzazione.

Guardate, inoltre, fratelli, in cosa consiste questa scuola Continua a leggere

14 settembre 2010 Posted by | Ammonizioni, Chiesa Evangelica Ministero Sabaoth di Milano, Comportamenti disordinati, Cose strane, Divieto insegnare, Ecumenismo, Editto di milano, Eresia, Frivolezze, Mondanità, Pastora, Pastori ecumenici, Roselen Boerner Faccio, Sabaoth Film, Scegli Gesù, Scuola "scegli gesù", Tour giallo, Velo | Lascia un commento

● Confutazione del “Limbo” e del Battesimo ai neonati secondo il rito Cattolico Romano

IL BATTESIMO secondo La dottrina dei teologi papisti

Il battesimo rimette i peccati, fa nascere di nuovo chi lo riceve che diventa così un cristiano. Esso è assolutamente necessario alla salvezza. I neonati quindi lo devono ricevere al più presto perché senza il battesimo, in caso di morte, non possono andare in paradiso, ma vanno nel limbo. Il battesimo lo amministra il sacerdote versando l’acqua benedetta sul capo del battezzando. ‘Il Battesimo è il sacramento della remissione dei peccati e della rigenerazione. E’ di fede (…)

Per disposizione divina, il Battesimo è assolutamente necessario a tutti gli uomini per la salvezza. E’ di fede (Bernardo Bartmann, Teologia Dogmatica, vol. III, pag. 91, 96).

In altre parole, il battesimo per i teologi papisti rimette i peccati all’uomo e a sostegno di ciò essi prendono le parole che Pietro disse ai Giudei il giorno della Pentecoste; “Ravvedetevi, e ciascun di voi sia battezzato nel nome di Gesù Cristo, per la remission de’ vostri peccati” (Atti 2:38), e lo fa rinascere e diventare un figlio di Dio e per sostenere questo prendono le seguenti parole di Gesù: “In verità, in verità io ti dico che se uno non è nato d’acqua e di Spirito, non può entrare nel regno di Dio” (Giov. 3:5), e le seguenti parole di Paolo: “Egli ci ha salvati non per opere giuste che noi avessimo fatte, ma secondo la sua misericordia, mediante il lavacro della rigenerazione…” (Tito 3:5).

Questo potere di rigenerare, il battesimo lo possiede perché l’acqua usata nel ministrarlo è un’acqua del tutto speciale infatti viene ‘consacrata mediante una preghiera di Epiclesi (sia al momento stesso, sia nella notte di Pasqua). La Chiesa chiede a Dio che, per mezzo del suo Figlio, la potenza dello Spirito Santo discenda su quest’acqua, in modo che quanti vi saranno battezzati ‘nascano dall’acqua e dallo Spirito’…’ (Catechismo della chiesa cattolica, Città del Vaticano 1992, pag. 327). Continua a leggere

3 agosto 2010 Posted by | "Anatema" nei concili, Battesimo, Battesimo per aspersione, Battesimo per immersione, Catechismo Cattolico, Cattolicesimo Romano, Eresia, Errori dottrinali, Falsi insegnamenti, Limbo | Lascia un commento

● Le ADI hanno ‘tolto’ il fuoco dall’inferno…

Confutazione della dottrina ‘il fuoco dell’inferno è allegorico e la Nuova Gerusalemme è un simbolo’…

(114 minuti – mp3)

Perchè nelle ADI non predicano quasi mai sulle pene eterne – fuoco metaforico

(72 minuti – mp3)

_______________________________________________________

Le A.D.I. (Assemblee di Dio in Italia) insegnano che quando la Scrittura parla di fuoco sia in riferimento all’Ades che alla Geenna il termine fuoco non va inteso letteralmente ma metaforicamente.

Ecco delle parti scannerizzate dal Nuovo Commentario Biblico Illustrato, ‘tradotto’ e pubblicato da ADI-Media, che provano ulteriormente in maniera inconfutabile che le Assemblee di Dio in Italia insegnano la falsa dottrina che il fuoco eterno di cui parlò Gesù, e che nell’Apocalisse è chiamato “stagno ardente di fuoco e di zolfo”, non è reale ma simbolico.

Le pubblico non solo affinchè servano di conferma a quanto noi diciamo da tanto tempo, ma anche affinchè quei credenti che frequentano Chiese ADI che dicono: ‘Ma il nostro pastore non ha mai insegnato questa cosa!’ siano persuasi che questo è l’insegnamento ufficiale delle ADI.
Come potete vedere, le parole del Nuovo Commentario Biblico che provano questo falso insegnamento delle ADI, sono le seguenti: ‘Un’angoscia inesprimibile è simboleggiata da ‘fuoco e zolfo’, v. 10b (cfr. Is. 30:33; Ap. 20:10). La punizione eterna è simboleggiata dal ‘fumo del loro tormento’ che sale ‘nei secoli dei secoli’, v. 11′ (Merrill F. Hunger – Gary N. Larson, Nuovo Commentario Biblico Illustrato, ADI-Media, 2009, pag. 679); ‘Il giudizio preannunciato su Satana (Gen. 3:15) viene ora eseguito. Prima cacciato via dalla sfera del cielo (12:9), poi imprigionato nell’abisso (20:1-3), egli viene ora consegnato al suo destino eterno, lo stagno di ‘fuoco e zolfo’, che raffigura un inesprimibile cosciente tormento (14:10; Is. 30:33)’ (Ibid., pag. 687). Fratelli guardatevi dal lievito delle ADI.

Ecco cosa Francesco Toppi, ex-presidente delle A.D.I., ha scritto nel suo libro A Domanda Risponde:

  • ‘La concezione di un inferno o di un fantastico ‘purgatorio’ con vere fiamme di fuoco, immagini tanto care alle descrizioni medievali, è un’idea sfruttata da predicatori astuti ma poco seri che, ormai, riesce a terrorizzare soltanto qualche pia vecchietta, la quale si vede già ardere per l’eternità’ (Francesco Toppi, A Domanda Risponde, Volume 1, pagina 231, ADI-MEDIA, seconda edizione, Roma 2004).

Lo stesso ha affermato durante il programma ‘Dai nostri culti’ trasmesso da RadioEvangelo qui a Roma, durante una predicazione che verteva sulla vita dopo la morte, che quando Gesù parlò della fiamma che tormentava l’anima del ricco nell’Ades, non intese riferirsi ad un fuoco letterale ma usò un linguaggio metaforico! E che nelle ADI non sia cosa rara sentire parlare così in riferimento al fuoco dell’inferno me lo ha confermato un fratello che parlando con un aspirante pastore delle ADI si è sentito rispondere: ‘Ma fratello, non penserai mica che quello sia veramente fuoco?!’ Continua a leggere

28 luglio 2010 Posted by | ADI (Assemblee di Dio in Italia), Dottrine False, Eresia, Eresie, Errori Dottrinali nelle ADI, Eternità, Falsi insegnamenti, Francesco Toppi, Giudizio, Giudizio eterno, Inferno, Insegnamenti errati, Lazzaro, Luogo di tormento, Predicazioni Audio mp3 | Lascia un commento

● Benny Hinn: lista delle sue false rivelazioni, insegnamenti eretici, minaccie ai suoi nemici e altri comportamenti sconvenienti…

Ci sono tanti fratelli, anche qui in Italia, che seguono Benny Hinn e lo ritengono un grande uomo di Dio.

Per portare luce su un tal uomo e per liberare tanti fratelli che sono caduti nell’errore, eccovi di seguito una lista delle eresie insegnate da Benny Hinn e delle false rivelazioni che dice di aver avuto da Dio, oltre agli altri comportamenti sconvenienti e peccaminosi.

Dopo aver visto, udito e letto tutto ciò che segue, diletti nel Signore, giudicate da voi stessi se questo è un uomo di Dio oppure no. Rammentatevi, inoltre, che Dio non punisce coloro che mettono alla prova coloro che dicono di essere uomini di Dio, anzi li elogia, come dice la Scrittura:

“Io conosco le tue opere e la tua fatica e la tua costanza e che non puoi sopportare i malvagi e hai messo alla prova quelli che si chiamano apostoli e non lo sono, e li hai trovati mendaci;” (Apocalisse 2:2)

____________________________

Ai fratelli che credono che Benny Hinn sia un profeta di Dio, eccovi delle false rivelazioni:

1) Benny Hinn predice la distruzione degli omosessuali in America (audio)

http://www.lanuovavia.org/va_fpr_hinn_predice_distruzione_omosessuali.html

2) Benny Hinn predice la morte di Fidel Castro (audio)

http://www.lanuovavia.org/va_fpr_hinn_predice_morte_di_castro.html

A coloro che ritengono che Benny Hinn sia un dottore della Parola di Dio, ecco alcuni dei suoi insegnamenti eretici: Continua a leggere

22 luglio 2010 Posted by | Adulterio, Benny Hinn, Comportamenti sconvenienti, Dottrine False, Ecumenismo, Eresia, Errori dottrinali, False predizioni, False rivelazioni, Falsi insegnamenti, Insegnamenti eretici, Pastori ecumenici | 1 commento