Egli è altresì scritto…

Blog di Nicola Iannazzo

● I Pentecostali ‘Zaccardiani’ (Storia, dottrine, regole e confutazione dei loro errori)

Contro l’eresia dei Zaccardiani

( 74 minuti – mp3)

Contro le eresie zaccardiane su Gesù Cristo

(95 minuti – mp3)

Il peccato che mena a morte e la bestemmia contro lo Spirito Santo

(83 minuti – mp3)

_____________________________

Storia

Per comprendere bene chi sono i Pentecostali Zaccardiani occorre tracciare la storia del Movimento Pentecostale in Italia fino al 1945 circa. Vediamo dunque di tracciarla, sia pur brevemente.

In base a quello che dice Luigi Francescon (1866-1964) – uno dei primi credenti Italiani che ricevettero il battesimo con lo Spirito Santo in America, e che prima fu anziano dell’Assemblea Cristiana di Chicago, cioè della prima Chiesa Pentecostale Italiana negli Stati Uniti che era sorta nel 1907, e poi fu il conduttore della Congregazione Cristiana di Chicago da lui fondata nel 1925 – nel suo scritto ‘Fedele testimonianza’, nell’Aprile del 1908 quattro fratelli vennero dall’America in Italia per evangelizzare. Ma la loro missione non ebbe Continua a leggere

18 aprile 2011 Posted by | Angela Gariglio, Demetrio Cristiani, Domenico Zaccardi, Ernesto di Biagio, Francesco Galvano, Francesco Toppi, Giacomo Lombardi, Giovanni Sola, Giuseppe Beretta, Giuseppe Petrelli, Giuseppina Zollo, Ivo Nardi, Lucia Menna, Luigi Francescon, Michele Di Napoli, Peccato imperdonabile, Pietro Ottolini, Quirino Pizzini, Roberto Bracco, Sergio Crocetti, Teresa Nigido, Umberto Gorietti, Vincenzo Castelli, Zaccardiani | Lascia un commento

● Contro i rapporti prematrimoniali, i matrimoni con i non convertiti e le seconde nozze mentre ambedue i coniugi sono ancora in vita

Contro i rapporti prematrimoniali, i matrimoni con i non convertiti e le seconde nozze mentre ambedue i coniugi sono ancora in vita

(114 minuti – mp3)

_____________________________

Confutazione della dottrina:

‘Si possono avere rapporti sessuali prima del matrimonio’

A.Mannucci ha scritto su ‘Il Testimonio’, organo ufficiale dell’opera evangelica battista d’Italia:

‘Il matrimonio era a quei tempi un cardine sociale, un’istituzione, e l’amore spesso nasceva tra due coniugi dopo il matrimonio ed un rapporto prematrimoniale conduceva o all’unione legale o alla condanna, ma questo non per ragioni morali, ma esclusivamente sociali e di costume. Nella realtà storica odierna è perciò assurdo parlare di esclusività dell’amore sessuale nell’ambito del matrimonio, assurdo perchè troppi fattori condizionano oggi i giovani e li limitano nelle possibilità di farsi troppo presto una famiglia. Ma la Bibbia ci parla di amore, di rispetto e di comprensione reciproca, di un’acquisita maturità come coppia preparata a compiere delle scelte. Scelte che possono essere rifiuto del rapporto prematrimoniale, o libera accettazione di esso nella piena consapevolezza del donarsi come esseri integrantesi a vicenda, sia spiritualmente che fisicamente’. (Il Testimonio, n° 12, Roma 1980, pag. 8-9)

In sostanza i rapporti matrimoniali tra due giovani fidanzati sono da costui consentiti prima del matrimonio. E si tenga presente che come lui molti in ambito Evangelico insegnano la stessa cosa. Questo insegnamento è falso e lo dimostriamo subito con la Scrittura. Continua a leggere

4 aprile 2011 Posted by | A.Mannucci, Adulterio, Comportamenti sconvenienti, Dottrine False, Fornicazione, Francesco Toppi, Santità del corpo, Seconde nozze | Lascia un commento

● Francesco Toppi, ex presidente delle ADI, e l’adire alle vie legali contro altri fratelli

Fratelli che frequentate Chiese ADI, vorrei sottoporre alla vostra attenzione un articolo di Francesco Toppi dal titolo ‘A quale tribunale ricorrere?’ apparso nel Maggio del 2006 su Risveglio Pentecostale, in quanto esso condanna esplicitamente il ricorrere ai tribunali dei pagani per risolvere le dispute tra Cristiani:

‘Con un linguaggio facile da capire, una parafrasi moderna di 1 Corinzi 6:1 dice: “Come mai, quando tra voi c’è qualche questione, ricorrete alla legge e chiedete al tribunale dei pagani di decidere sul da farsi, invece di presentare la questione ad altri cristiani, perché decidano chi di voi ha ragione?” (I Corinzi 6:1 – The Living Bible). In realtà lo Spirito Santo guidò l’apostolo a richiamare i credenti di Corinto su un soggetto che se trascurato, avrebbe disonorato la buona testimonianza cristiana. L’argomento è sviluppato con dovizia di particolari perché, secondo l’insegnamento della Scrittura, ricorrere ad un processo per una controversia è una manifestazione di cupidigia, cioè nasconde il desiderio di non perdere i benefici e i diritti acquisiti, rappresenta il tentativo di forzare altri a fare quanto si crede giusto. Questa forma di cupidigia è paragonata, in modo inatteso e quasi incomprensibile, alla dissolutezza, con cui si conclude il passo nei versetti 10 e 11. I primi undici versetti del capitolo 6 della Prima Epistola ai Corinzi si possono suddividere in base a tre affermazioni: –

RICORRERE AI TRIBUNALI È STOLTO – “…qualcuno di voi… ha il coraggio di chiamarlo in giudizio…” ( I Corinzi 6:1). L’audacia di cui si parla è, in realtà, un atto oltraggioso per gli altri, in quanto chi la esercita non si rende conto del danno che può creare agli altri. Continua a leggere

26 marzo 2011 Posted by | ADI (Assemblee di Dio in Italia), Assemblee di Dio, Chiesa ADI di Gragnano, Dominio "assembleedidio.eu", Felice Antonio Loria, Francesco Toppi, Presidente ADI, Processo, Tribunali | Lascia un commento

● In difesa della sovranità di Dio (contro l’attacco sferratogli dalle ADI)

Confutazione della dottrina A.D.I. il destino se lo crea l’uomo

(195 minuti – mp3)

____________________________

DOTTRINA ADI

Paolo Lombardo, pastore della Chiesa ADI che si riunisce in via Susanna a Catania, e che insegna presso la Scuola Biblica delle ADI a Roma, in un suo scritto dal titolo: ‘Il destino …. secondo la Bibbia’, ha affermato quanto segue:

‘Il caso, più logico secondo la Scrittura. Dal latino “casus” = “caduta”, indica l’imprevedibilità, l’accidentalità, alla quale si potrebbero attribuire gli eventi, indipendentemente da una volontà e da un piano logico. Il “caso” è perciò del tutto diverso dal “destino”, che invece dovrebbe essere predeterminato. Dio aveva fatto tutto buono, perfetto, ogni cosa come la componente di un piano ben preciso e bello … ma la ribellione di satana e la caduta, la corruzione dell’uomo hanno sconvolto tutto. Dio stesso, in qualche modo, quindi ha abbandonato tutti gli uomini e gli eventi che li concernono (2Cr 24: 20; Ro 1: 24,26,28…). Ciò che avviene agli uomini in genere è, dunque, dovuto al caso, al rischio delle probabilità (Ec 9: 11,12), alla loro saggezza o alla loro follia (Pr 21: 20; 27: 12)… purtroppo sempre sotto l’influenza di satana, nel quale “tutto il mondo giace” (Ef 2: 1-3; 1Gv 5: 19) …. Il “destino” in senso fatalistico e inesorabile, perciò, non esiste affatto. Ciò che capita, se mai, è dovuto al caso, alle circostanze o alla saviezza o alla stoltezza di ognuno.’.

Tratto da: http://www.adicatania.net/public/studi/ildestino.pdf

Dunque, Dio non ha predeterminato gli eventi sulla terra, perchè essi sono frutto del caso o delle circostanze o delle decisioni giuste o sbagliate degli essere umani. Al massimo Dio sapeva che questi eventi si sarebbero verificati, ma certamente non li ha decretati!

E – continuano le ADI – è proprio in virtù di questa sua conoscenza, che Egli prevede ma non predetermina:

‘Conoscendo ogni cosa, Dio è in grado di affermare prima del tempo ciò che avverrà in futuro. E’ per questa ragione che nella Bibbia molti eventi vengono predetti. Ciò non significa che l’Eterno prenda delle decisioni su ciò che ci avverrà nel futuro. Egli semplicemente conosce quali saranno le nostre decisioni prima ancora che le prendiamo. Avendo la capacità di prevedere, Egli è in grado di predire ciò che avverrà nel futuro. Tuttavia la sua capacità di predire il futuro non vuol dire che Egli abbia predeterminato gli eventi, o che abbia già deciso quello che deve avvenire’ (Verità Fondamentali, 1/3, I.C.I., Roma 1996, pag. 40).

Questo modo di vedere le cose nelle ADI ha avuto degli effetti anche sulla dottrina della salvezza perché è proprio basandosi su questo assunto che le ADI affermano che la nostra salvezza è dipesa da una nostra scelta (perchè l’uomo il destino se lo crea da sé!) e non da una scelta di Dio a salvarci (e quindi non in virtù di una predestinazione divina ad essere salvati)!

Francesco Toppi, ex presidente delle ADI ha infatti Continua a leggere

24 marzo 2011 Posted by | ADI (Assemblee di Dio in Italia), ADI-Media, Assemblee di Dio, Charles Haddon Spurgeon, Eliseo Fragnito, Felice Antonio Loria, Francesco Toppi, Merrill F. Unger, Myer Pearlman, Predestinazione, Proponimento dell'elezione di Dio, Rodolfo Arata Pastore ADI | Lascia un commento

● Ma la Bibbia dice di “non abbandonare la comune adunanza”…

Cosa significa “non abbandonando la nostra comune adunanza …”

(99 minuti – mp3)

_____________________

“E facciamo attenzione gli uni agli altri per incitarci a carità e a buone opere, non abbandonando la nostra comune adunanza come alcuni son usi di fare, ma esortandoci a vicenda…” (Ebrei 10:24,25)

Premessa

Diletti nel Signore, purtroppo ci sono dei fratelli che si sono trovati costretti ad abbandonare la comunità che frequentavano e, in seguito a ciò, vengono perseguitati con questo passo in ebrei sopra riportato.

Vero è che tale passo esorta i santi a non abbandonare la comunità, ma è altrettanto vero che i santi devono anche considerare se in quella comunità il pastore insegna oppure no le verità di Dio. Se il pastore non sta insegnando ciò che sta scritto nella Parola di Dio, allora sta insegnando delle menzogne e la conseguenza spirituale per chi rimane in quella comunità è devastante, in quanto ci sono eresie che devastano e sviano i credenti dalla fede in Dio e li fanno percorrere le vie laterali, facendoli così Continua a leggere

6 marzo 2011 Posted by | Comune adunanza, Conduttori ADI, Errori dottrinali, Errori Dottrinali nelle ADI, Falsi Dottori, Falsi insegnamenti, Francesco Toppi, Giuseppe Piredda, Insegnamenti errati, Luogo di Culto | 2 commenti

● Francesco Toppi: la preghiera del Padre nostro non è più una preghiera da rivolgere a Dio

Francesco Toppi, ex presidente delle Assemblee di Dio in Italia, ha scritto:

‘… il ‘Padre nostro’ era una preghiera per il periodo precedente alla morte, risurrezione e glorificazione di Gesù Cristo’ (Francesco Toppi, A Domanda Risponde, Vol. I, Roma 2004, Seconda Edizione, pag. 164).

In altre parole, il ‘Padre nostro’ non è più una preghiera da dire a Dio, e questo perché nel libro degli Atti ogni qual volta c’è un riferimento alla preghiera non è mai menzionata questa specifica preghiera insegnata da Gesù (Ibid., pag. 163).

Confutazione

Ora, è vero che negli Atti, come anche nelle epistole, non è mai menzionata la preghiera del ‘Padre nostro’, ma arrivare per questo alla conclusione che essa non va più detta così come è scritta, la ritengo una cosa sbagliata. Perché si fanno passare le parole di Gesù “voi dunque pregate così …” (Matteo 6:9), come parole ormai sorpassate. Come parole che si riferivano solo al periodo precedente alla sua morte, il che non può essere vero.

E poi, se fosse vero quello che dicono le ADI in merito alla preghiera del Padre nostro, allora dovremmo concludere pure che Continua a leggere

3 marzo 2011 Posted by | ADI, ADI (Assemblee di Dio in Italia), Errori dottrinali, Errori Dottrinali nelle ADI, False dottrine, Falsi insegnamenti, Francesco Toppi, Insegnamenti errati, Padre Nostro, Pastori ADI, Preghiera | Lascia un commento

● Francesco Toppi: Il digiuno è un fatto superato

Francesco Toppi, nel suo libro A Domanda Risponde, alla domanda ‘Il digiuno è una pratica evangelica?’, risponde dicendo tra le altre cose:

‘Gesù stesso presenta il tema del digiuno sotto una luce nuova, quando afferma: ‘Possono gli amici dello sposo digiunare, mentre lo sposo è con loro?” (Marco 2:19; Matteo 9:15, 16; Luca 5:34). La presenza dello Sposo, Cristo Gesù, e l’annuncio dell’Evangelo escludono totalmente ogni possibile valore meritorio e preparatorio attribuibile [al] digiuno …. Uno studioso afferma: ‘Con Gesù il digiuno è un fatto superato. Infatti, dal primo secolo non abbiamo notizie di cristiani che si siano sottoposti volontariamente al digiuno. Le lettere del Nuovo Testamento non ci spendono sopra una parola’ (Francesco Toppi, A Domanda Risponde, Vol. II, pag. 28-29,32).

Dunque, niente premeditato digiuno sotto il Nuovo Testamento, per le ADI. E’ vero che nella stessa risposta non è del tutto escluso il digiunare da parte del credente, ma tutti i discorsi sono volti a scoraggiare i credenti dal digiunare con premeditazione, nel senso che sono volti a indurre il credente a non decidere di astenersi dal mangiare e dal bere per uno o due o tre giorni (o anche di più se Dio lo sospinge), in quanto il digiuno non costituisce una opera meritoria davanti a Dio. Toppi infatti dice per esempio che i cristiani praticano il digiuno ‘quasi inconsapevolmente, quando credono di dover trascorrere un periodo di preghiera senza essere interrotti da pensieri secondari’ (Ibid., pag. 32).

Confutazione

Le ADI errano grandemente ancora una volta per mancanza di conoscenza.

Innanzi tutto vediamo se Gesù ha presentato il digiuno sotto una luce nuova. Nel suo insegnamento Gesù Cristo ha fatto capire chiaramente che non solo è normale per un suo discepolo digiunare, ma anche che il digiuno costituisce anche una opera meritoria, in quanto fa parte della giustizia personale di ogni Cristiano ed è quindi un atto di mortificazione che ha una ricompensa da Dio.

Ascoltate le parole del Maestro: Continua a leggere

3 marzo 2011 Posted by | ADI, ADI (Assemblee di Dio in Italia), Digiuno, Errori dottrinali, Errori Dottrinali nelle ADI, False dottrine, Francesco Toppi, Insegnamenti errati, Pastori, Pastori ADI | Lascia un commento

● Testimonianza della mia conversione e di come il Signore ha guidato i miei passi nel non entrare “nell’organizzazione ADI”

Fratelli nel Signore. Vorrei darvi la mia testimonianza sul come il Signore ha guidato i miei passi, sin dagli inizi della mia conversione, a non entrare mai “nell’organizzazione ADI”(Assemblee di Dio in Italia), se non poi come visitatore saltuario e occasionale in alcune comunità facenti parte d’essa…
Infatti il Signore mi preservò dal cadere nelle grinfie di quella che ormai è a tutti gli effetti un’organizzazione soggetta a regole e insegnamenti umani anziché biblici, sin dall’inizio della mia conversione che avvenne in seguito alla venuta in Italia di un mio cugino di nome LeoLuca Schifano, che risiede nello stato di New York, più precisamente a Lakeview, vicino a Buffalo, venuto appositamente in Italia per parlarci di Gesù.

Ricordo infatti che quel pomeriggio di Luglio del 1985, mio cugino LeoLuca Schifano organizzò una riunione in un locale sotto un Bar nel paese dove risiedo (Venaria Reale, provincia di Torino) in cui invitò la sua parentela tra cui la mia famiglia composta dai miei genitori e i miei due fratelli (io allora avevo 21 anni, mio fratello maggiore 26 e il mio fratello più piccolo, ora col Signore, ne aveva 7) all’ascolto della Parola di Dio e della testimonianza della sua conversione, tra cui la guarigione dall’epilessìa, reputata dalla scienza medica malattia inguaribile, di uno dei suoi figli da parte del Signore!

Dovendo tornare in America quindi, pensò di invitare a quella riunione anche alcuni Pastori evangelici conosciuti da lui in quei giorni che sarebbero potuti essere un punto di riferimento a cui affidare coloro di noi che eventualmente avessimo voluto approfondire la conoscenza del Vangelo.

Sarebbero perciò dovuti venire un Pastore di una chiesa nascente Continua a leggere

16 febbraio 2011 Posted by | A domanda risponde, Errori Dottrinali nelle ADI, Francesco Toppi, Guarigione divina, Sogni, visioni e rivelazioni, Testimonianza, Testimonianza Nicola Iannazzo | Lascia un commento

● Le ADI e la sorte eterna di quelli che non hanno udito il Vangelo

Francesco Toppi, ex Presidente ADI

Le ADI e la sorte eterna di quelli che non hanno udito il Vangelo

(85 minuti – mp3)

___________________________________________

Dottrina ADI

Le ADI insegnano che coloro che dopo avere sentito il Vangelo lo rigettano andranno in perdizione, e in questo dicono il giusto. Ma quando si tratta di parlare della sorte eterna che aspetta coloro che sono morti senza avere avuto l’opportunità di sentire il Vangelo, allora fanno un altro discorso.

Francesco Toppi, ex presidente delle ADI, afferma per esempio:

‘Vi è una componente dello spirito umano che intuisce quello che è giusto e quello che è errato, perchè esiste una parziale rivelazione divina alla coscienza umana che spinge al pentimento. …. Dio, quindi, giudicherà tutti gli uomini per quello che hanno fatto, secondo la luce che è stata data a ciascuno; questo metodo è assolutamente giusto da parte del Creatore, e come Suoi figli noi lo accettiamo …. Se siamo saggi non spenderemo troppo tempo a discutere di teorie umane che cercano di risolvere quello che Dio ha già risolto. Il nostro privilegio ed il nostro dovere di seguaci di Gesù Cristo è di annunciare ‘Tutto L’Evangelo’ e non di formulare delle congetture riguardo alla sorte eterna di coloro che non avranno occasione di ascoltarlo’ (Francesco Toppi, A Domanda Risponde, Vol. I, pag. 25).

Rodolfo Arata, pastore di una Chiesa ADI di Palermo, nel suo articolo ‘Quale sarà la sorte eterna di chi non ha mai sentito parlare di Gesù?’ afferma: Continua a leggere

12 febbraio 2011 Posted by | ADI, ADI (Assemblee di Dio in Italia), ADI-Media, Errori dottrinali, Errori Dottrinali nelle ADI, False dottrine, Falsi insegnamenti, Francesco Toppi, Predestinati, Predestinazione, Predicazione dell'evangelo, Proponimento dell'elezione di Dio, Rodolfo Arata Pastore ADI, Sogni, visioni e rivelazioni, Torcere le Sacre Scritture | Lascia un commento

● Le ADI hanno manipolato ‘Le Dottrine della Bibbia’ di Myer Pearlman


View this document on Scribd

 

Qui la versione Html del libro:

Le ADI hanno manipolato ‘Le Dottrine della Bibbia’ di Myer Pearlman

__________________________________________________________________________________

Faccio sapere alla fratellanza che purtroppo anche l’edizione del 1970 di ‘Le Dottrine della Bibbia’ di Myer Pearlman, pubblicato dalle ADI, non è fedele al testo originale in inglese in ogni cosa. E’ vero che quella del 1970 non ha certe manipolazioni presenti nell’edizione del 1996 (quella da noi presa in esame), ma contiene pur sempre delle manipolazioni che sono state peraltro lasciate nell’edizione del 1996.

__________________________________________________________________________________

Nel mondo si dice: “errare è umano, perseverare è diabolico”

Nella Bibbia invece leggo che perseverare nel fare il male è paragonabile al peccato d’ idolatrìa: “…l´ostinatezza è come l´adorazione degli idoli e degli dèi domestici.” (1° Samuele 15:23)

Dopo le manipolazioni sui libri di Spurgeon, adesso infatti è venuta alla luce anche quella su un libro di Myer Pearlman da parte della casa editrice ADI-Media

Possibile che questi fratelli delle ADI, pur di difendere le tesi dottrinali della loro “organizzazione”, siano disposti a tutto, anche a manipolare e distorcere i testi altrui?
Dov’è l’amore per il vero? Dov’è l’amore per il giusto? Continua a leggere

20 dicembre 2010 Posted by | ADI, ADI (Assemblee di Dio in Italia), ADI-Media, Comportamenti disordinati, Francesco Toppi, Manipolazioni, Myer Pearlman, Spurgeon | Lascia un commento

● Contro l’aborto

Contro l’aborto

Confutazione Audio “Contro l’aborto” (45 minuti – mp3)

(ovvero contro la posizione favorevole di alcune Chiese Evangeliche in merito all’aborto e quella ambigua delle Assemblee di Dio in Italia)

____________________________________________________________

Introduzione

In un comunicato stampa dell’Agenzia di stampa NEV del 3 Gennaio 2008, la signora Letizia Tomassone, vicepresidente della Federazione delle chiese evangeliche in Italia (FCEI), ha affermato quanto segue:

Letizia Tomassone

‘L’autonomia riproduttiva delle donne è uno dei diritti umani fondamentali. Non si possono obbligare le donne ad avere figli o a portare avanti gravidanze indesiderate … Un figlio, una figlia sono iscritti nel desiderio della madre che disegna con la creatura concepita una relazione densa di significato e di vita. Quando questo non avviene, perché il concepimento è frutto di violenza o di frettolosa superficialità ed errore, la donna deve essere messa in grado di interrompere la gravidanza. Fino a quel momento sono infatti in gioco la responsabilità e la libertà che lei ha sviluppato nella sua vita. Per questo il senso di libertà individuale, che è riconosciuto e considerato oggi in Occidente come il fondamento del diritto civile, fa parte della costruzione della dignità femminile. La donna non è un puro contenitore di vita concepita altrove. E’ un soggetto libero che crea relazione con questa vita. Negare che l’interruzione di gravidanza si inserisca in questo processo relazionale significa riportare le donne a un obbligo biologico che non ci appartiene più.’ Continua a leggere

25 ottobre 2010 Posted by | Aborto, ADI (Assemblee di Dio in Italia), Francesco Toppi, Interruzione Gravidanza, Letizia Tomassone, Paolo Ricca, Piero Suman | Lascia un commento

● Elenco di errori dottrinali o cose da biasimare nelle Assemblee di Dio in italia (ADI)


[*] Contro l’accusa d’esser dei “diffamatori”…

(25 minuti – mp3)

_____________

“Il beffardo non ama che altri lo riprenda; egli non va dai savi.” – “Non riprendere il beffardo, per tema che t’odi; riprendi il savio, e t’amerà. Istruisci il savio e diventerà più savio che mai; ammaestra il giusto e accrescerà il suo sapere.” (Proverbi 15:12 – 9:8,9)

“Mi percuota pure il giusto; sarà un favore; mi riprenda pure; sarà come olio sul capo; il mio capo non lo rifiuterà” (Salmo 141:5)

Per anni, nelle Assemblee di Dio in Italia, molti errori dottrinali hanno potuto diffondersi senza che nessuno potesse far levare la sua voce con forza per reclamare o protestare, e così nel silenzio, una parte del popolo di Dio doveva con rammarico rassegnarsi nel vedere “sommi pastori” permettersi di insegnare addirittura cose di cui non c’era traccia nella Bibbia, senza che fosse possibile confutarne il contrario, pena la “scomunica” e in alcuni casi (vedi ad esempio Roberto Bracco) addirittura l’espulsione dall’organizzazione nel caso che qualcuno si permetteva di obiettare o dissentire a ciò che non era conforme alla Parola di Dio! Non parliamo poi dei casi di quei fratelli che dovevano subire per giunta l’umiliazione da costoro d’esser perfino poi ripresi dal pulpito con predicazioni ad “hoc”, studiate apposta per loro, nella metodologia ormai classica del linguaggio e del modo di fare di questi cosiddetti “ministri” di Dio, fatto di allusioni e doppi sensi, mai chiaro e nitido. Naturalmente senza il diritto di replica.

A molti fratelli dunque, non rimaneva che uscire dalle ADI, difatti molte comunità evangeliche dette comunemente chiese libere, sono sorte negli anni proprio (anche se non sempre) per questi motivi.

Roberto Bracco ad esempio, che è un pastore molto stimato e di cui le radio evangeliche spesso trasmettono i suoi sermoni, poiché evidenziò in un libro di come l’organizzazione stava prendendo il sopravvento ai dettami della Parola di Dio, fu espulso dalle Assemblee di Dio. Naturalmente la maggioranza dei fedeli delle ADI non conobbero mai i veri motivi.

Ma adesso le cose sono cambiate, grazie a Dio!

Ora finalmente, con un semplice Continua a leggere

20 ottobre 2010 Posted by | ADI (Assemblee di Dio in Italia), ADI-Media, Apostasia, Assemblee di Dio, Cattivi operai, Charles Haddon Spurgeon, Comitati di Zona ADI, Comportamenti disordinati, Comportamenti sconvenienti, Conduttori ADI, Consiglieri ADI, Consiglio Generale Chiese ADI, Convegno Pastorale ADI, Davide di Iorio, Domande ai fratelli delle ADI, Dottrine False, Eliseo Fragnito, Eresie, Errori dottrinali, Errori Dottrinali nelle ADI, Esortazioni, Falsi insegnamenti, Felice Antonio Loria, Francesco Toppi, Paolo Lombardo, Passi Biblici Distorti, Pastori ADI, Pastori ecumenici, Peccati Pubblici, Pentecostali, Periodico ADI "Cristiani Oggi", Presidente ADI, Riprensione privata, Riprensione Pubblica, Roberto Bracco, Scandali ADI, Statuto ADI | , | 1 commento

● Ecco come l’ “ente morale” ADI “traduce” i libri di Charles Spurgeon! Giudicate voi da persone intelligenti.

Censura ADI in azione!

Fratelli nel Signore, qui di seguito vi mettiamo le foto della pagina del libro ‘Solo per grazia’ scritto da Charles Spurgeon in cui lui parla dell’elezione e della predestinazione, così come le troviamo nella versione inglese, francese, spagnola, e italiana. Come potete vedere, sia nella versione francese che in quella spagnola, la parte sull’elezione e la predestinazione è stata tradotta, mentre in quella italiana E’ SPARITA. E gli artefici di questa sparizione sono stati le Assemblee di Dio in Italia tramite il loro servizio pubblicazioni ADI-Media.
Giudicate voi se questo modo di agire è un comportamento degno dei santi o degno dei peggiori falsificatori di opere letterarie che esistono sulla faccia della terra. Continua a leggere

15 ottobre 2010 Posted by | ADI (Assemblee di Dio in Italia), ADI-Media, Comportamenti disordinati, Comportamenti sconvenienti, Errori Dottrinali nelle ADI, Francesco Toppi, Manipolazioni, Scandali ADI, Solo per grazia, Spurgeon | Lascia un commento

● L’Intesa con lo Stato e l’8 per mille, ovvero quando la Chiesa fa il male per ricavarne del bene

L’Intesa con lo Stato e l’8 per mille, ovvero quando la Chiesa fa il male per ricavarne del bene

Una confutazione delle Intese Chiesa-Stato, con particolare riferimento all’Intesa stipulata dalle Assemblee di Dio in Italia con lo Stato Italiano

__________________________________________

La storia delle Intese e dell’8 per mille

Dalla Legge delle Guarentigie (1871) al Concordato (1929), e alla Costituzione (1948)

Per comprendere bene come mai oggi le Confessioni religiose possono stipulare una Intesa con lo Stato, e alcune di esse tra cui alcune Chiese Evangeliche le hanno stabilite, occorre partire da lontano, e precisamente dalla nascita del Regno d’Italia.

Nel 1859-1860 Vittorio Emanuele II riuscì ad annettersi prima la Romagna e poi l’Umbria e le Marche, iniziando così la conquista dello Stato pontificio (che alla fine del 1860 era limitato solo al Lazio e alla città di Roma dove c’erano delle truppe francesi a difesa dello Stato pontificio). Nel febbraio del 1861 ci fu la prima convocazione del Parlamento Italiano, e nel mese successivo Vittorio Emanuele II fu proclamato re d’Italia. Continua a leggere

6 ottobre 2010 Posted by | 5x1000, 8x1000, ADI (Assemblee di Dio in Italia), Cardinale Casaroli, Cattolicesimo Romano, Chiesa Avventista del settimo giorno, Chiesa Battista, Chiesa Luterana, Chiesa Valdese, Chiese Metodiste, Chiese Valdesi, Concordato, Francesco Toppi, Giorgio Bouchard, Giorgio Spini, Giuseppe Di Masa, Giuseppe Malan, Guarentigie, Intesa ADI con lo Stato Italiano, Lelio Basso, Patti Lateranensi, Pio IX, Pio XI, Religione di stato, Sergio Bianconi, Sinodo Valdese | Lascia un commento

● Alcune domande a coloro che dicono che Dio è solo un Dio d’amore, ma non un Dio di vendette…

Contro l’eresia “Dio non è un Dio di vendette, ma un Dio d’amore” (104 minuti – mp3)

L’Eterno è un Dio vendicatore (68 minuti – mp3)

______________________________________________________

Alcune domande a coloro che dicono che Dio è solo un Dio d’amore, ma NON UN DIO DI VENDETTE…

  1. Se Dio non è un Dio di vendette, ma solo un Dio d’amore, come mai il profeta Nahum, parlando per lo Spirito dice di Dio:  “L’Eterno è un Dio geloso e VENDICATORE; L’Eterno è VENDICATORE e pieno di furore; l´Eterno SI VENDICA dei suoi avversari, e serba il cruccio per i suoi nemici. L’Eterno è lento all’ira, è grande in forza, ma non tiene il colpevole per innocente.” (Nahum 1:1,3) ?
  2. E come mai Iddio, parlando per lo Spirito attraverso la bocca di Mosè dice: Continua a leggere

30 settembre 2010 Posted by | ADI (Assemblee di Dio in Italia), Alcune domande, Esortazioni, Falsi insegnamenti, Francesco Toppi, Vendetta, Vendicare, Vendicatore o "vindice" | Lascia un commento

● Contro lo Statuto e il Regolamento delle ADI

Confutazione dello Statuto e del Regolamento interno delle Assemblee di Dio in Italia (ADI)


Affinché tutti coloro che sono rimasti incatenati dagli statuti e dalle regole umane delle ADI (e delle altre denominazioni evangeliche che hanno statuti e regole simili) possano recuperare la libertà spirituale perduta

________________________________________________________

Capitolo 1 – Origini dello Statuto e del Regolamento
Capitolo 2 – Struttura e organizzazione delle ADI
Capitolo 3 – Confutazione

Qui puoi scaricare il presente libro anche in formato pdf

___________________________________________________________________________________________

 

Capitolo 1

Origini dello Statuto e del Regolamento Interno

Le Assemblee di Dio in Italia, che sono la denominazione pentecostale più grande in Italia, hanno uno Statuto (come peraltro altre denominazioni evangeliche), che è entrato in vigore alla approvazione governativa dell’Ente, avvenuta con decreto del Presidente della Repubblica, in data 5 Dicembre 1959, n. 1349.

 

Ma qual è l’origine di questo Statuto? E’ quello che vi spiegherò in questa prima parte, e per spiegarvelo nella maniera migliore dovrò partire da lontano, e precisamente dalle origini del Movimento Pentecostale in Italia. Continua a leggere

26 settembre 2010 Posted by | ADI (Assemblee di Dio in Italia), ADI-Media, Assemblea Generale ADI, C.E.I.A.M., Castrenze Cascio, Centri Comunitari Evangelici ADI, Chiesa Apostolica, Chiesa Luterana, Chiesa Valdese, Chiese Elim, Comitati di Zona ADI, Conduttori ADI, Consigli di Chiesa ADI, Consiglieri ADI, Consiglio Generale Chiese ADI, Convegno Pastorale ADI, Demetrio Cristiani, Enti Morali ADI, Ernesto di Biagio, Ettore Strappaveccia, FIDEA - Fondo Interno Emeritazione e Assicurazione, Francesco Galvano, Francesco Toppi, Giacomo Lombardi, Giorgio Rochat, Giovanni Ferri, Giovanni Sola, Giuseppe Petrelli, Giuseppina Zollo, Guido Buffarini-Guidi, Intesa ADI con lo Stato Italiano, Istituto Biblico Italiano, Istituto Evangelico Betania - Emmaus, Istituto Evangelico Betesda, Istituto Evangelico Eben-Ezer, Ivo Nardi, Lucia Menna, Luigi Francescon, Michele Palma, Misure disciplinari ADI, Organizzazione ADI, Periodico ADI "Cristiani Oggi", Pietro Ottolini, Presidente ADI, Quirino Pizzini, Regolamento Interno Assemblee di Dio in Italia, Roberto Bracco, Schiavi degli uomini, Scuole Domenicali ADI, Segretario Consiglio Generale delle Chiese ADI, SIB ADI, Silvano Lilli, Statuto ADI, Storia della Chiesa, Tesoriere ADI, Umberto Gorietti, Vice Presidente ADI, Vincenzo Castelli, Vincenzo Federico | Lascia un commento

● Segnali di apertura ecumenica nelle ADI

Nonostante la posizione ufficiale delle ADI sia contraria all’Ecumenismo, e quindi al dialogo ecumenico con i Cattolici Romani e ad ogni forma di collaborazione con essi, ci sono dei cattivi segnali che fanno presagire che questa posizione prima o poi cambierà (d’altronde le Assemblee di Dio americane è già da diversi anni che sono coinvolte – anche se non in maniera ufficiale – nel dialogo con la Chiesa Cattolica Romana, quindi non c’è niente di cui meravigliarsi se nelle ADI ci sono segnali che vanno in quella direzione).

Ecco questi segnali.

  • L’ex presidente delle ADI Francesco Toppi molti anni addietro ha collaborato in una certa misura alla traduzione della Bibbia interconfessionale ‘La Parola del Signore’ [Bibbia TILC (La Parola del Signore. Traduzione interconfessionale in lingua corrente, TILC), 1976 NT, 1985 intera Bibbia, con revisione NT 2001, edita LDC-ABU)], che è frutto di un lavoro di collaborazione interconfessionale tra cattolici e protestanti, infatti il suo nome compare tra i Consulenti stabili evangelici per il Nuovo Testamento. Ecco tutti i collaboratori del Nuovo Testamento di quella Bibbia: Continua a leggere

28 agosto 2010 Posted by | ADI (Assemblee di Dio in Italia), Ecumenismo, Francesco Toppi, Matteo Calisi | Lascia un commento

● Le ADI hanno ‘tolto’ il fuoco dall’inferno…

Confutazione della dottrina ‘il fuoco dell’inferno è allegorico e la Nuova Gerusalemme è un simbolo’…

(114 minuti – mp3)

Perchè nelle ADI non predicano quasi mai sulle pene eterne – fuoco metaforico

(72 minuti – mp3)

_______________________________________________________

Le A.D.I. (Assemblee di Dio in Italia) insegnano che quando la Scrittura parla di fuoco sia in riferimento all’Ades che alla Geenna il termine fuoco non va inteso letteralmente ma metaforicamente.

Ecco delle parti scannerizzate dal Nuovo Commentario Biblico Illustrato, ‘tradotto’ e pubblicato da ADI-Media, che provano ulteriormente in maniera inconfutabile che le Assemblee di Dio in Italia insegnano la falsa dottrina che il fuoco eterno di cui parlò Gesù, e che nell’Apocalisse è chiamato “stagno ardente di fuoco e di zolfo”, non è reale ma simbolico.

Le pubblico non solo affinchè servano di conferma a quanto noi diciamo da tanto tempo, ma anche affinchè quei credenti che frequentano Chiese ADI che dicono: ‘Ma il nostro pastore non ha mai insegnato questa cosa!’ siano persuasi che questo è l’insegnamento ufficiale delle ADI.
Come potete vedere, le parole del Nuovo Commentario Biblico che provano questo falso insegnamento delle ADI, sono le seguenti: ‘Un’angoscia inesprimibile è simboleggiata da ‘fuoco e zolfo’, v. 10b (cfr. Is. 30:33; Ap. 20:10). La punizione eterna è simboleggiata dal ‘fumo del loro tormento’ che sale ‘nei secoli dei secoli’, v. 11′ (Merrill F. Hunger – Gary N. Larson, Nuovo Commentario Biblico Illustrato, ADI-Media, 2009, pag. 679); ‘Il giudizio preannunciato su Satana (Gen. 3:15) viene ora eseguito. Prima cacciato via dalla sfera del cielo (12:9), poi imprigionato nell’abisso (20:1-3), egli viene ora consegnato al suo destino eterno, lo stagno di ‘fuoco e zolfo’, che raffigura un inesprimibile cosciente tormento (14:10; Is. 30:33)’ (Ibid., pag. 687). Fratelli guardatevi dal lievito delle ADI.

Ecco cosa Francesco Toppi, ex-presidente delle A.D.I., ha scritto nel suo libro A Domanda Risponde:

  • ‘La concezione di un inferno o di un fantastico ‘purgatorio’ con vere fiamme di fuoco, immagini tanto care alle descrizioni medievali, è un’idea sfruttata da predicatori astuti ma poco seri che, ormai, riesce a terrorizzare soltanto qualche pia vecchietta, la quale si vede già ardere per l’eternità’ (Francesco Toppi, A Domanda Risponde, Volume 1, pagina 231, ADI-MEDIA, seconda edizione, Roma 2004).

Lo stesso ha affermato durante il programma ‘Dai nostri culti’ trasmesso da RadioEvangelo qui a Roma, durante una predicazione che verteva sulla vita dopo la morte, che quando Gesù parlò della fiamma che tormentava l’anima del ricco nell’Ades, non intese riferirsi ad un fuoco letterale ma usò un linguaggio metaforico! E che nelle ADI non sia cosa rara sentire parlare così in riferimento al fuoco dell’inferno me lo ha confermato un fratello che parlando con un aspirante pastore delle ADI si è sentito rispondere: ‘Ma fratello, non penserai mica che quello sia veramente fuoco?!’ Continua a leggere

28 luglio 2010 Posted by | ADI (Assemblee di Dio in Italia), Dottrine False, Eresia, Eresie, Errori Dottrinali nelle ADI, Eternità, Falsi insegnamenti, Francesco Toppi, Giudizio, Giudizio eterno, Inferno, Insegnamenti errati, Lazzaro, Luogo di tormento, Predicazioni Audio mp3 | Lascia un commento

● Perché Roberto Bracco è stato espulso dalle ADI…

PERCHE’ ROBERTO BRACCO FU ESPULSO DALLE ADI…


Oggi Roberto Bracco è tenuto in grande considerazione per l’opera del suo ministerio, ma occorre tenere bene a mente il ricordo dell’ingiusta espulsione che dovette subire a causa delle giuste considerazioni che lui fece al riguardo della piega “gerarchica” che stavano prendendo le Assemblee di Dio, quando nel 1980, pubblicò il suo libro dal titolo: “La verità vi farà liberi” (che ho inserito in formato integrale e potrete leggere nel proseguio del corrente post) …

Infatti sul suo libro scrisse:

“…Si hanno, così, dei fratelli posti legalmente al vertice con la facoltà di comandare ed altri fratelli rimasti in basso che hanno solamente il dovere di ubbidire. Ma tutto questo è in aperto contrasto con i principi stabiliti dal Signore e che tutti ben conosciamo (Matt. 20:25; Marco 10:12; Luca 22:25; 2 Cor.1:24: 1 Pietro 5:3)”.

E ancora, sempre dal suo libro:

“…Un servitore di Dio, stimato ed amato, mi diceva, non molto tempo fa: – Se vogliamo salvare la nostra comunione spirituale e la nostra unità cristiana dobbiamo distruggere lo statuto…”

CHI ERA ROBERTO BRACCO… Continua a leggere

22 luglio 2010 Posted by | ADI (Assemblee di Dio in Italia), Errori Dottrinali nelle ADI, Francesco Toppi, Istituto Biblico Italiano, Roberto Bracco, Segretario Consiglio Generale delle Chiese ADI | 2 commenti